Ultimi Articoli

Anche alla Spezia si cercano giovani che vogliono fare gli autisti, l’allarme lanciato da Confartigianato Trasporti 

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Confartigianato Trasporti La Spezia lancia l’allarme. Si cercano giovani autisti e alcune aziende rischiano di dover lasciare fermi i propri mezzi. La crescita del porto e della logistica richiede al mercato nuovi autisti ma non ci sono!

Sempre meno giovani vogliono mettersi al volante di un tir e gli autisti in forza hanno una media di 50 anni. La carenza di autisti nel trasporto delle merci non è solo un’emergenza nazionale, basti pensare quanto sta accadendo in Gran Bretagna.

“Chiediamo alla Regione Liguria, come hanno fatto altre regioni italiane – spiega Stefano Ciliento, Presidente Confartigianato Trasporti La Spezia – appositi voucher per dare la possibilità ai disoccupati che vogliono conseguire patenti professionali e cqc di ottenere un aiuto; sul medio termine bisogna lavorare con le scuole superiori per sensibilizzare i giovani sulle possibilità occupazionali nella logistica e nei trasporti. Al Ministero del lavoro chiediamo un apposito contratto di assunzione per dare l’opportunità ai giovani di affiancare gli autisti.

Nonostante il conseguimento delle patenti, molte imprese hanno remore soprattutto per questioni di sicurezza ad affidare ad un giovane autista senza esperienza un mezzo pesante, serve quindi a fronte dell’impegno dell’azienda ad assumere seriamente un contratto di affiancamento per imparare il mestiere”.

Anche alla Spezia sono molte le aziende di trasporto con sede legale o unità locale che cercano autisti chi è in possesso delle patenti professionali (C-E-CQC) può portare il curriculum in Confartigianato. L’aumento dei traffici portuali, rischia di incepparsi se le aziende non riusciranno a trovare autisti per le flotte.

“Per proporsi come autista alle aziende che operano nella logistica e nei trasporti, servono le patenti di categoria superiore e il cqc – spiegano Enio Bigiolli e Giacomo Rosa, titolari di autoscuole – la patente C che si può conseguire a 21 anni compiuti, abilita alla guida dei ‘camion’ e la E cioè l’estensione che permette il traino di rimorchi e semirimorchi non leggeri. Ciascuna patente si consegue in circa due mesi sostenendo un esame teorico e un esame pratico su veicolo specifico.

Il CQC è la Carta di Qualificazione del Conducente, un’abilitazione imposta da una direttiva europea che si consegue con un corso di 130 ore di teoria e 10 ore di pratica. Per conseguire le due patenti professionali C e E e il CQC servono in media 3500 euro”.

“Invitiamo i giovani a pensare anche all’autotrasporto come possibile lavoro – conclude Nicola Carozza, Responsabile categorie Confartigianato La Spezia –  alla Spezia il porto, la logistica e la movimentazione delle merci offrono grandi opportunità. Le aziende devono fare i conti con l’invecchiamento degli autisti e nei prossimi mesi i posti di lavoro nel settore potrebbero aumentare. I camion di ultima generazione hanno aria condizionata, servosterzo, computer di bordo satellitare, sistemi di guida assistita. Il mestiere è ancora duro e spesso si resta tutto il giorno lontano dalla famiglia e da casa ma si è sempre in movimento e può piacere agli spiriti liberi”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi