Ultimi Articoli

Anche i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti chiedono che il Disegno di legge sulla concorrenza sia modificato per evitare effetti negativi sul mercato del lavoro portuale

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Roma – Il Disegno di legge sulla Concorrenza, approvato dal Consiglio dei Ministri, sta suscitando una levata di scudi corale dalle comunità portuali che chiedono compatte una serie di modifiche.

Per il segretario nazionale Filt Cgil Natale Colombo i punti a rischio sono la destrutturazione del mercato del lavoro portuale con il superamento del divieto di cumulo delle concessioni così come dalla determinazione dei canoni di concessione regolati dalla contrattazione invece che da parametr.

Per Claudio Tarlazzi, segretario generale Uiltrasporti il rischio è quello di generare concentrazioni distorsive del mercato.

 Per Maurizio Diamante, segretario nazionale Fit-Cisl dice secco che l’ articolo 18 della legge 84/94, non deve essere modificato per evitare il pericolo di limitare la concorrenza nei e tra i porti italiani”.

 

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi