Ultimi Articoli

Aperta la prima stazione in Liguria di Gnl, gas naturale liquefatto a Vado Ligure nei pressi dell’Interporto

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Vado Ligure – BiFuel ha inaugurato la prima stazione in Liguria di Gnl, gas naturale liquefatto.

La stazione BiFuel di Vado Ligure è dotata di stoccaggio per carburanti liquidi (gasoli/benzine) di 200 mila lt con erogatori ad alta portata (130 lt/min) per gasolio autotrazione affiancati da erogatore AdBlue con serbatoio di accumulo da 4000 lt e dei seguenti stoccaggi per carburanti gassosi:
• Gnl: 80mc in serbatoio criogenico verticale;
• Gnc (metano auto): 1200 lt in batteria di bombole metalliche;
• Gpl: 30mc in serbatoio metallico interrato.

Con la stazione di Vado Ligure, sulla strada di scorrimento veloce vicina all’Interporto, con il marchio BiFuel la società BlueFuel, joint venture tra il Gruppo Centro Petroli di Taggia e il Gruppo Fin.Com di Genova, porta in Liguria un prodotto che ha conosciuto un incremento esponenziale, destinato a cambiare alla radice il trasporto su gomma.

L’investimento acquisisce valore se si considera l’importanza strategica della stazione, situata in posizione adiacente a uno dei tratti autostradali di maggior percorrenza del Paese, tra Savona e Ventimiglia, dove si verifica il maggior flusso di traffico di mezzi pesanti.

Orari di apertura della stazione, servizio bar e ristorante: lunedì-venerdì 6-19; sabato 7:30 -12:30.

Da rilevare che il Gnl è un carburante ecocompatibile ed è l’unica alternativa reale all’impiego del diesel, per pilotare la transizione verso una mobilità ecosostenibile nel trasporto pesante, con riduzioni di emissioni di sostanze nocive nell’atmosfera pari in media a meno 99% di So2 (anidride solforosa); meno 90% di Pm10 (particolato); meno 25% di Co2 (anidride carbonica). Benefici in termini di sostenibilità che si fanno ancora più evidenti con l’utilizzo del BioGnl, carburante derivato da biogas generato da processi di digestione anaerobica e poi sottoposto a purificazione e liquefazione finale, vero esempio di “economia circolare”.

Fonte: Business Journal Liguria

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi