Ultimi Articoli

Massa Carrara: “Se la Toscana non ci vuole andiamo con La Spezia con cui abbiamo più possibilità di sviluppo”

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

MASSA-CARRARA – “Se la Toscana non ci vuole allora deve dirlo chiaramente: i nostri rappresentanti delle istituzioni devono chiedere alla Regione che ruolo ha, se ce l’ha, la provincia apuana nelle strategie di lungo termine”.

L’aut aut è del segretario della Uiltrasporti Massa-Carrara, Rolando Bellè che, ripreso da tutti i media della provincia, sta facendo scalpore nel comprensorio apuano.

Incalza Bellè nell’appello ai sindaci della costa e della Lunigiana così come al presidente della Provincia per iniziare a far sentire la voce del territorio nelle stanze del potere di Firenze: “Il patto siglato fra i sindaci per il potenziamento dei collegamenti fra Firenze e le aree di costa ci taglia fuori di netto, lasciandoci in un limbo economico e sociale che non sembra lasciare dubbi a interpretazioni. Le parole del sindaco di Firenze, Dario Nardella, d’altronde vanno in questa direzione così come tanti altri atti della giunta toscana”.

E continua nel suo stringente ragionamento: “Com’è possibile che con  i fondi del Pnrr si pensi soltanto ad alimentare sogni e speranze di rilancio infrastrutturale e dei trasporti solo fra Lucca, Pisa e Livorno lasciando fuori Massa Carrara? Strategie che mettono al centro infrastrutture come l’aeroporto di Pisa e il porto di Livorno, proiettandoli come scali europei in una visione di sviluppo e rilancio mentre si dimenticano completamente del porto di Marina di Carrara, ormai orfano della Toscana e già da anni sottomesso alle decisioni dell’Autorità portuale del mar Ligure orientale e della regione Liguria”.

Bellè accusa “Quel patto fra sindaci che rafforza i collegamenti metropolitani fra costa e Firenze lasciando Massa Carrara da parte, costretta ad arrangiarsi con le proprie forze. Oppure a chiedere aiuto alla vicina Liguria. Sono decisioni di cui i nostri rappresentanti devono chiedere conto al presidente Eugenio Giani perché è arrivato il momento di contare là dove si decide il futuro ora che ci sono le possibilità. Lo chiediamo a tutti i sindaci, lo chiediamo al presidente della Provincia e al consigliere regionale Giacomo Bugliani che ci rappresenta. Che ruolo ha Massa-Carrara nei piani di sviluppo della Regione Toscana e nel Pnrr?”.

Domande che attendono risposte in breve tempo per il segretario della Uiltrasporti che conclude: “Se non ci vogliono in Toscana allora dobbiamo avviare le procedure per chiedere l’annessione della provincia alla vicina Liguria con cui forse abbiamo più affinità e possibilità di sviluppo comune, per turismo, porto, infrastrutture ferroviarie come la Pontremolese e industriale”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi