Ultimi Articoli

Campagna social degli imprenditori di Sarzana contro il caro energia: intanto bloccate l’irritante speculazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

SARZANA – Da settembre 2021 ad oggi le micro e piccole imprese hanno pagato per l’energia elettrica 21,1 miliardi in più rispetto all’anno precedente.

Una batosta senza precedenti che rischia di ingigantirsi ulteriormente: se nei prossimi quattro mesi i prezzi non diminuiranno, i maggiori costi per i piccoli imprenditori saliranno nel 2022 a 42,2 miliardi in più rispetto al 2021.

E’ da queste considerazioni che è partita da Sarzana una campagna social dal titolo “Non togliete energia allo sviluppo del Paese” coinvolgendo gli imprenditori.

I primi imprenditori che si sono fatti fotografare con il cartello sono Fiammetta Gemmi, Massimiliano Dentelli, Matteo Micheloni, Roberto Culicchi e Martina Fiorini.

Lo Sportello energia sta calcolando l’impatto sulla piccola e media impresa della crisi energetica e dell’impennata dei prezzi del gas e aiutando gli imprenditori con rateizzi e nuovi contratti. I settori più colpiti in Val di Magra sono la produzione alimentare, lavorazione lapidea, carpenteria ma tutti i settori sono in proporzione colpiti .

Se le bollette dei prossimi mesi vedranno davvero gli annunciati aumenti del 70% molte aziende chiuderanno o dovranno fare scelte produttive diverse per limitare l’impatto con conseguenze anche su prezzi, servizi e occupazione.

Ciò che colpisce e che irrita è la speculazione e la velocità di crescita dei prezzi al consumo dell’energia elettrica che è decisamente più elevata rispetto a quanto avviene nell’Unione europea: a luglio 2022.

Nel nostro Paese il prezzo dell’elettricità infatti è cresciuto dell’85,3% rispetto dodici mesi prima, a fronte del +35,4% della media dell’Eurozona e, in particolare, del +18,1% della Germania e del +8,2% della Francia. La situazione è insostenibile. Servono interventi immediati e altrettanto rapide riforme strutturali per riportare i prezzi dell’energia sotto controllo e scongiurare un’ecatombe di imprese e una crisi senza precedenti.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi