Ultimi Articoli

Cara Liguria, per l’Istat è seconda in Italia solo alla Sicilia per l’aumento dell’inflazione con un più 13,8 per cento

Tempo di lettura: < 1 minuto

Genova – La Liguria è balzata in ottobre al secondo posto per aumento dell’inflazione con una variazione del +13,8%, due punti percentuali sopra alla media nazionale.

Sono per lo più ibeni energetici, regolamentati e  non, a determinare questa straordinaria accelerazione dell’inflazione ma anche i beni alimentari continuano ad accelerare, in quasi tutti i comparti merceologici . Frenano solo i servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona.

È necessario risalire a giugno 1983  (+13,0%) per trovare una crescita su base annua dei prezzi del “carrello della spesa” superiore a quella di ottobre 2022 e a marzo 1984 (+11,9%) per una variazione tendenziale dell’indice generale nic superiore a +11,8%.

La Liguria si posiziona, con il +13,8%, non solo sopra tutte le altre regioni del Nord-Ovest ma anche delle altre, restando solo sotto al dato Istat in Sicilia (14,4%).

Genova registra un +13,4%: è quinta tra le grandi città italiane, prima tra quelle del Nord Ovest. Le variazioni tendenziali più contenute si registrano a Potenza (+9,1%) e Aosta (+8,7%).

L’accelerazione della crescita dei prezzi al consumo si deve prevalentemente ai prezzi di abitazione, acqua, elettricità e combustibili (da +32,1% a +57,0%), sostenuta soprattutto dai beni energetici che sono inclusi in questo comparto merceologico, e, in misura minore, all’accelerazione dei prezzi dei prodotti alimentari e bevande analcoliche (da +11,7% di settembre a +13,5%), di abbigliamento e calzature (da +2,5% a +3,0%) e di mobili, articoli e servizi per la casa (da +6,5% a +7,0%), con i prezzi delle comunicazioni che registrano una flessione meno ampia (da -3,0% a -2,4%).

La compensazione parziale viene dal rallentamento dei prezzi dei trasporti (da +9,5% a +8,1%) e dei servizi ricettivi e di ristorazione (da +8,0% a +7,6%).

L’inflazione è quindi dovuta principalmente ai prezzi di abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+6,180 punti percentuali), dei prodotti alimentari e bevande analcoliche (+2,484) e dei trasporti (+1,130). L’unico contributo negativo dai prezzi delle comunicazioni (-0,062).

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi