Ultimi Articoli

Caro gasolio: riparte da Savona il grido di allarme degli autotrasportatori dell’Unione Industriali

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Savona – Due mesi di provvedimenti governativi non si sono rivelati sufficienti. La situazione dell’autotrasporto, legata soprattutto al caro carburante, mette in ginocchio le imprese italiane.

E dal savonese si alza un grido d’allarme, una richiesta di aiuto trasversale che scatta dagli iscritti all’Unione Industriali. La fotografia è di un quadro peggiorato rispetto allo scorso aprile in cui, per gli imprenditori, non esistono strumenti utili a combattere un andamento che rischia di portare al collasso un intero settore.

Corrado Ivaldi, della Fratelli Ivaldi di Cairo Montenotte:: “Chiediamo un immediato confronto alle altre associazioni di categoria perché dalla Liguria parta, in tempi urgenti, quel grido disperato che coinvolge l’intero Paese. La nostra categoria non può alzare i prezzi perché perderebbe i clienti. Organizzare un fermo nazionale diventa, oggi, impossibile. D’altronde azioni come queste metterebbero in ginocchio la manifattura e le costruzioni, cioè, i nostri colleghi delle imprese associate, senza risolvere il problema. Danni che si aggiungerebbero al costo di energia e materie prime. La tendenza si riflette su molteplici aspetti, compreso quello delle gomme che subisce rincari derivanti dal prezzo del greggio. Necessario come non mai un segnale forte relativamente alla cancellazione di determinate accise o di tariffe speciali per i mezzi pesanti. Tuttavia, il risultato di questo scenario provocherà fallimenti generalizzati e migliaia di unità occupazionali a rischio”.

Una posizione che trova riscontro in Elisa Vernazza, responsabile logistica di Vernazza Autogru: “In questi mesi sono aumentati sia il costo del gasolio che la carenza di autisti. Il nostro settore sta subendo una crisi che, purtroppo, gli enti competenti non stanno affrontando con le dovute azioni risolutive. Stiamo diventando sempre più “fragili”, temiamo che presto molte aziende siano obbligate a fermarsi perché non avranno i mezzi e le persone necessarie per fornire il servizio richiesto. Abbiamo bisogno dell’aiuto istituzionale per far migliorare il nostro settore e far crescere il lavoro. Senza l’autotrasporto si blocca tutto”.

Scenari sintetizzati dalla presidente dellasezione trasporti Uisv e membro del cda Tpl Linea, Agnese Bellini: “I margini di guadagno delle nostre imprese, pubbliche e private, già in sofferenza a causa dei precedenti rincari, si sono ormai ridotti in maniera drastica. Non hanno più senso. L’approssimarsi della data di scadenza del taglio delle accise non può che destare grande preoccupazione. Il caro carburante, contro ogni auspicio, rimane al centro dell’attenzione e ritorna imprescindibile un intervento del Governo volto a calmierarne il prezzo questa volta con l’adozione di misure più strutturali. Spero che questo non sia l’ennesimo grido d’allarme inascoltato di un settore strategico quale è quello del trasporto, sicuramente il più colpito”.

Fonte: BJ Liguria

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi