Ultimi Articoli

Cna Nautica ha incontrato ad Ameglia nel confronto con novanta titolari sui problemi delle concessioni

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

AMEGLIA – Le Darsene del Magra si sono confrontate con le istituzioni nella tavola rotonda organizzata da Cna Nautica ad Ameglia.

L’incontro ha affrontato il problema delle concessioni idriche e marittime e la possibilità, per queste ultime, di andare a gara. La sala del consiglio del Comune di Ameglia ha accolto una cinquantina di partecipanti, titolari di attività nautiche, portatori dei problemi relativi appunto alle concessioni.

“Nel comune di Ameglia abbiamo 90 concessioni date o a privati o a ditte – spiega il vicesindaco e assessore alle attività produttive Raffaella Fontana – e tutte le attività che si trovano sotto il ponte hanno ambedue concessioni, per le sponde (demanio idrico) e lo specchio acqueo (demanio marittimo) e non possono andare a gara contemporaneamente.

In alcuni casi hanno già la concessione per la sponda e devono attendere la concessione per utilizzare lo specchio acqueo.  Otto attività hanno la concessione idrica con scadenza al 2028 mentre le marittime scadono al 31 dicembre 2023.- Riscontriamo anche 15 anni di discrepanza della durata delle concessioni che possono riguardare anche la stessa attività. Speriamo che la Regione lavori nel trovare presto una soluzione”.

“Ad Ameglia ci troviamo in una situazione molto particolare e ritengo sia l’unica in Liguria – aggiunge l’avvocato e professore associato di Diritto Amministrativo dell’UniGe, Gerolamo Taccogna -. Le due tipologie di concessioni rispondono a sistemi normativi differenti, rispettivamente del Demanio idrico e marittimo, e si riferiscono a competenze normative e amministrative diversificate. Anche le fonti che individuano i canoni sono diverse. Nello stesso bacino alcuni operatori rispondono ad un tipo di concessione, e di canone, e ciò crea un’evidente discrepanza concorrenziale. Si tratterebbe di fare una riflessione e riorganizzarsi in modo tale da avere una varietà di regime giuridico ed economico per tutte le attività simili”.

All’incontro hanno partecipato anche il comandante della Capitaneria di Porto della Spezia Alessandro Ducci e la vicepresidente di Cna La Spezia Federica Maggiani. L’occasione è stata colta per raccogliere osservazioni da parte delle attività interessate alla tematica da inviare alla Regione in previsione della definizione del nuovo Regolamento.

Nella foto l’intervento di Federica Maggiani vice presidente di Cna 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi