Ultimi Articoli

Come a poche bracciate da Riomaggiore e da Vernazza immergersi “tutti” nel regno delle meraviglie di Nettuno

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

CINQUE TERRE – Le corsie natatorie a Riomaggiore e a Vernazza si arricchiscono ora con i pannelli subacquei in linguaggio braille.

Dedicati a tutti gli esploratori delle bellezze, marine, delle Cinque Terre, i sentieri nel blu sono stati progettati per accogliere anche i fruitori con dis-capacità motorie o visive. Sono stati infatti posizionati nuovi itinerari tattili per rendere sempre più attrattiva e soprattutto inclusiva l’esperienza nelle corsie natatorie. I percorsi, realizzati nell’ambito del progetto Neptune, nell’ambito della gestione sostenibile della subacquea ricreativa, si sviluppano in 16 pannelli ciascuno con supporto in sughero. Sono in superficie e sui fondali a un massimo di 10 metri per scandire l’attività di snorkeling e immersione, con informazioni sulle principali specie di fauna e flora dei fondali.

A poche bracciate dai borghi si entra in un mondo ricco di meraviglie e di biodiversità disponibile ad essere esplorato, con rispetto. Gli itinerari offrono diverse opportunità ricreative negli habitat protetti dall’Area marina; l’ispezione tattile dei subacquei, il perfezionamento e l’insegnamento delle tecniche di immersione per le scuole di sub ed infine la visita dalla superficie ed in apnea mediante attività di snorkeling.

A Riomaggiore il percorso inizia dall’angolo orientale della spiaggia della Fossola fino a Lama Crexia, sviluppandosi per 105 metri.

A Vernazza la corsia blu si sviluppa per 345 metri da Vernazza in direzione Monterosso al Mare, con partenza dalla spiaggia.

Per evitare danneggiamenti in caso di avverse condizioni meteo, i percorsi natatori e quelli subacquei vengono rimossi dai tecnici dell’Area Marina Protetta delle Cinque Terre.

———————————————

Il Progetto Neptune, PatrimoNio naturalE e culTUrale sommerso e gestione sosteNibile della subacquEa ricreativa – è stato cofinanziato dal Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Francia Marittimo 2014-2020, per favorire lo sviluppo sostenibile delle attività ricreative e professionali subacquee, garantendo e sviluppando la tutela degli habitat marini e costieri ad elevato valore naturalistico e culturale. L’obiettivo del progetto è stato applicare sistemi comuni di gestione sostenibile del patrimonio sommerso a livello transfrontaliero, sensibilizzando gestori e fruitori in merito al valore naturale e culturale del patrimonio subacqueo transfrontaliero.

Capofila: Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta di Portofino. Partner Regione Liguria, Regione Sardegna, Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Parc national de Port-Cros, Région Sud Provence – Alpes – Côte d’Azur e Centre de Découverte du Monde Marin. L’Area Marina Protetta delle Cinque Terre è soggetto attuatore della Regione Liguria.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi