Ultimi Articoli

Commissione Ue: va garantita un’area di parcheggio sicura ogni 100 km, attualmente sono meno del 3%

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Bruxelles – La Commissione europea ha adottato con un regolamento che andrà a integrare il regolamento n. 561/2006, nuovi standard e procedure per sostenere lo sviluppo di una rete di aree di parcheggio sicure in tutta l’Unione europea.

Aree sicure che migliorino le condizioni di riposo dei conducenti e che li proteggano da violenze o tentativi di furto della merce trasportata.

L’idea è di creare gli standard per classificare le aree in quattro livelli di sicurezza: bronzo, argento, oro e platino.

Una classificazione concepita propprio er aiutare gli autisti e le aziende a indirizzarsi su quelle più o meno sicure anche in relazione a ciò che trasportano.
La misurazione dello standard prende in considerazione quattro fattori riferiti a:

1) perimetro e recinzione,

2) area di parcheggio,

3) punti di ingresso/uscita,

4) procedure del personale.

Per esempio, unarea di parcheggio certificata come bronzo può proteggere il sito tramite la videosorveglianza di alcune aree, mentre un’area di parcheggio platino è costantemente monitorata da personale presente sul posto, utilizzando misure di sicurezza aggiuntive, come la tecnologia di riconoscimento delle targhe nei punti di ingresso e di uscita.

Per la sicurezza ciò che deve invece necessariamente essere presente in ogni area sono i servizi necessari, vale a dire docce, servizi igienici, alimentazione elettrica, spazi per contatto e per l’attivazione di procedure di emergenza, opzioni diverse per l’acquisto di cibo e bevande, connessione a internet.

La Commissaria europea per i Trasporti, Adina Vălean, ha anche chiarito che questi standard completeranno la proposta di revisione della Rete Transeuropea di trasporto per cui gli Stati membri devono garantire aree di parcheggio sicure e protette lungo la rete TEN-T, a una distanza massima di 100 km.

La stessa Commissione, nel 2019, realizzò uno studio da cui emergeva che nel continente mancano 100 mila parcheggi notturni per veicoli pesanti e che, a fronte di 300 mila posti disponibili, soltanto 7.000 – meno del 3% – sono in aree di parcheggio custodite. E proprio per fronte a questa situazione, oltre alla definizione dei nuovi standard, finanzia lo sviluppo di aree di parcheggio sicure e protette tramite il programma CEF Trasporti sostenuto con 25,8 miliardi di euro messi a disposizione nel bilancio dell’UE 2021-2027 per cofinanziare progetti TEN-T negli Stati membri dell’UE.

Gli standard adottati sono stati notificati al Parlamento europeo e al Consiglio ed entreranno in vigore se nessuno di queste due istituzioni solleverà obiezioni entro due mesi dalla notifica.

Nella foto il Truck Village al varco degli Stagnoni al Porto della Spezia

Fonte Uomini e Trasporti

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi