Ultimi Articoli

Confcommercio Imprese: bando per operatori del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 3 minuti

LA SPEZIA – Confcommercio Imprese per l’Italia La Spezia informa le imprese che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 265 del 6 novembre 2021 il Decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152 recante (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose.

All’articolo 8 del decreto legge viene previsto un fondo per la ripresa, volto a consentire il finanziamento di progetti di turismo sostenibile. Sono beneficiarie del bando le strutture ricettive e gli altri operatori del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale.

Gli incentivi sono diretti alle imprese alberghiere, le strutture che svolgono attività agrituristica e quelle ricettive all’aria aperta (campeggi), nonchè le imprese del comparto turistico, ricreativo , fieristico e congressuale, inclusi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici e parchi tematici.

Tutte le misure sono contenute nel D.L. n. 152/2021 (noto come “Piano nazionale di ripresa e resilienza”, acronimo PNRR).

Sono ammissibili interventi realizzati a partire dal 7 novembre 2021 fino al 31 dicembre 2024. Sono inoltre ammessi gli interventi avviati a far data dal 1 febbraio 2020 e non ancora conclusi al 7 novembre 2021, a patto che le relative spese siano sostenute a decorrere da quest’ultima data.

Le modalità operative saranno pubblicate dal ministero del Turismo entro trenta giorni dal 7/11/2021.

Il decreto introduce un credito d’imposta dell’80% e un contributo a fondo perduto, che può arrivare fino a un massimo di 100mila euro, per le strutture ricettive e agli altri operatori del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale che effettuino interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla riqualificazione antisismica, all’eliminazione delle barriere architettoniche, alla realizzazione di piscine termali, alla digitalizzazione, inclusi i necessari lavori edilizi (purchè funzionali agli interventi di incremento dell’efficienza energetica, alla riqualificazione antisismica e all’eliminazione delle barriere architettoniche).

Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 100.000 euro e un credito di imposta pari all’80% della spesa ammissibile. Le due agevolazioni sono cumulabili a patto che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto per gli interventi realizzati.

Il Credito d’imposta sarà utilizzabile unicamente in compensazione ed è fruibile dal periodo d’imposta successivo a quello di realizzazione degli interventi senza l’applicazione del limite massimo dei crediti di imposta e dei contributi compensabili.

Il credito può inoltre essere ceduto a terzi, banche e altri intermediari finanziari.

Il Contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 100 mila euro è così costituito:

Importo base fissato in Euro 40.000,00;
Fino a ulteriori 30.000 Euro se l’intervento prevede la digitalizzazione e l’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica (almeno per il 15% del totale dell’intervento);
fino a 20.000 Euro destinate all’imprenditoria femminile e giovanile, cioè persone di età compresa tra 18 e 35 anni;
fino a ulteriori 10.000 Euro destinati alle imprese con sede legale nel territorio del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia).
E’ previsto inoltre un finanziamento a tasso agevolato per coprire le spese ammissibili non coperte dagli incentivi, a patto che almeno il 50% di tali costi riguardi interventi di riqualificazione energetica.

Nel dettaglio gli interventi previsti che danno diritto all’agevolazione sono:

Investimenti finalizzati all’incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica;
Interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche;
Opere edilizie di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione purchè funzionali alla realizzazione degli interventi indicati nei primi due punti;
Realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per le attività termali;
Spese per la Digitalizzazione, così come previsto dal D.l. n. 83/2014 e cioè: impianti wi-fi, siti web ottimizzati per il sistema mobile, programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, spazi e pubblicità per promuovere e commercializzare servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme specializzate, consulenza per la comunicazione e il marketing digitale, strumenti per la promozione di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità, formazione del titolare e/o dei dipendenti;
Spese per la progettazione relative ai suddetti interventi.

Per ulteriori informazioni gli interessati possono contattare gli uffici di Confcommercio al numero 0187 598511

Per una comunicazione più immediata ed efficace è possibile essere aggiunti alle liste broadcost di Confcommercio per ricevere gli aggiornamenti in tempo reale. Coloro che ancora non dovessero ricevere le comunicazioni attraverso WhatsApp e volessero essere inseriti potranno mandare un messaggio WhatsApp con nome e cognome e tipo di attività al numero 392 9781841

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi