Ultimi Articoli

Da Suez superstar alle petrolifere per la Russia con Turchia nel mezzo, e Cina che frena sul carbone, mentre Los Angeles perde colpi

Tempo di lettura: 2 minuti

Nelle trenta righe attorno al mondo (dello shipping) facciamo tappa in Egitto, Russia, Turchia, Cina e Stati Uniti.

Un nuovo record storico per il Canale di Suez

Il Cairo – Nuovo record storico del Canale di Suez che in un giorno ha contato 94 navi in transitano con un carico netto di 5 milioni di tonnellate. Il presidente dell’Autorità del Canale di Suez Osama Rabia si è limitato a spiegare che “l’aumento del traffico è dovuto alla posizione strategica del Canale di Suez come hub marittimo, un fatto che riduce la velocità dei viaggi e aumenta la loro sicurezza”. Il record degli incassi risale ad agosto per 744,8 milioni di dollari. Si ricorda anche che a settembre l’Autorità ha annunciato un aumento del pedaggio del 15% nel 2023 per cui si stima le entrate annuali aumenteranno di 700 milioni di dollari.

Sanzioni, Mosca cerca navi per esportare petrolio

Mosca – Dopo le incombenti sanzioni dell’Unione Europea la Russia potrebbe avere bisogno di espandere la sua flotta mercantile anche perché esportazioni di carburante marittimo sono tornate ai livelli pre-pandemia, nonostante l’ottavo pacchetto di sanzioni. Anche perché, proprio per l’inasprimento delle sanzioni, secondo un’analisi di Gibson, più di 200 petroliere potrebbero abbandonare il commercio con Mosca prima del 5 dicembre, quando appunto entrerà in vigore l’embargo sul petrolio russo. La sua flotta è ritenuta infatti inadeguata a far fronte alle esportazioni.

Profitti: triangolazioni turche per il petrolio russo?

Istambul – Nel frattempo a fare affari è la Turchia sempre più in pole per diventare una corsia preferenziale, aggirando le sanzioni, per le esportazioni di petrolio russo verso l’Unione Europea. L’ipotesi è stata fatta dal Centre for Research on Energy and Clean. La Russia comunque fatica sempre di più a vendere il suo petrolio all’estero. Il Crea, centro studi in Finlandia, ha calcolato che l’incasso per combustibili fossili è calato del 7% rispetto a settembre. In calo i ricavi di tutti i prodotti, ad eccezione del gas naturale liquefatto.

Pechino: il Covid 19 ora frena l’estrazione di carbone

Pechino – Anche la Cina ha visto calare la sua produzione giornaliera di carbone a ottobre per le centinaia di casi di Covid nelle regioni minerarie. A ottobre ha estratto 370,09 milioni di tonnellate di carbone, il livello più basso da maggio. Con l’aumento dei casi di Covid-19 a ottobre, le autorità hanno costretto i proprietari di miniere a ridurre la produzione.

Quando troppo, quando poco: Porto di Los Angeles in calo

Los Angeles –Dal collo di bottiglia per le navi costrette a lunghe attese per scaricare a un meno 25% della movimentazione registrata a ottobre nel porto di Los Angeles. A ottobre lo scalo sul Pacifico ha movimentato 678.429 TEU contro quelli dei primi dieci mesi del 2022 che sono stati 8.542.944 TEU con un calo del 6% rispetto allo stesso periodo del 2021.  Inoltre, le importazioni hanno segnato a ottobre un meno 28% rispetto allo stesso mese del 2021 e le esportazioni sono diminuite dell’8,7% negli ultimi dodici mesi.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi