Ultimi Articoli

Dalla Grecia alla Russia, dalla Cina a Cuba: un nuovo viaggio nello shipping internazionale

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa puntata di “Trenta righe attorno al mondo” è dedicata al caro-noli che spinge all’acquisto di navi usate, al Passaggio a Nord visto dai russi, al nuovo record del porto di Shanghai e purtroppo alle vittime dell’incendio di un deposito di petrolio a Cuba.

di Enzo Millepiedi

Acquistate 1.155 navi usate al mondo, armatori greci al top

Atene – Attirati da noli sempre più alti, gli armatori continuano ad aumentare le dimensioni delle proprie flotte. Negli ultimi sette mesi (gennaio-luglio) nel mondo sono state acquistate 1.155 navi usate.

A guidare questa classifica sono gli armatori greci che hanno acquistato 178 navi (85 portarinfuse, 87 petroliere, 3 portacontainer e due 2 gasiere per un valore di 3,7 miliardi di dollari. Seguono gli armatori cinesi che hanno acquistato 139 navi (92 navi portarinfuse e 25 navi cisterna), per un valore di 1,8 miliardi di dollari. Al terzo posto ci sono gli armatori svizzeri con 39 navi, seguiti dagli armatori di Singapore con 38 navi, dalla Turchia con 35 navi, dalla Germania con 30 navi, dal Medio Oriente con 21 navi, dall’Italia con 15 navi e dall’Indonesia e Vietnam con 14 navi.

Il governo russo punta 30 miliardi di dollari sulla Rotta Artica

Mosca – E’ stato approvato dal governo russo un piano per lo sviluppo del Passaggio a Nord (la Rotta Artica nella foto) che comprende oltre 150 attività per un valore di 29,7 miliardi di dollari. Stando all’agenzia di stampa Tass, il progetto prevede la realizzazione di terminal Gnl, un terminal petrolifero e un terminal per il traffico di carbone, oltre alla costruzione di infrastrutture terrestri e acquedotti, un hub di trasporto a Vladivostok e lo sviluppo di stazioni di trasbordo di GNL. Murmansk. Con l’obiettivo di raggiungere nel 2024 gli 80 milioni di tonnellate all’anno nel traffico merci attraverso il Passaggio a Nord.

Il porto di Shanghai batte, dopo il covid, i suoi stessi record

Shanghai – Il porto di Shanghai, che era stato chiuso per covid, ha stabilito il record di movimentazione di container a luglio, secondo quanto riferito Shanghai International Port Group. Il più importante porto cinese ha movimentato 4,3 milioni di TEU con un aumento del 16% rispetto al 2021 e del 13% su giugno. La controllata di Shanghai Shengdong International Container Terminal ha movimentato da sola 840.000 TEU in un solo mese.

Esplosione di un deposito petrolifero a Cuba, morti e feriti

Matanzas (Cuba) E’ ancora imprecisato il numero dei morti (dispersi sono venti), oltre ai 121 feriti, per l’esplosione in un deposito petrolifero che ha causato un violento incendio al porto di Matanzas. Tra i feriti anche il ministro dell’Energia cubano Nicolás Liván Arronte Cruz. Cinquanta milioni i litri di petrolio erano conservati nel sito impegnando giorni i vigili del fuoco a domare il vasto incendio, con l’aiuto di forze arrivate dal Venezuela e dal Messico.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi