Ultimi Articoli

Doccia fredda: dai dati del primo trimestre del 2022 il profilo di un sistema imprenditoriale in stallo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – I dati del primo trimestre del Registro imprese della Camera di commercio Riviere di Liguria tracciano un primo bilancio dell’inizio d’anno 2022.

In provincia della Spezia, come a livello regionale, si registra un calo del numero di imprese attive, che scendono a 17.129 unità al 31 marzo, con una diminuzione dell’1,4% rispetto al dato di un anno prima, quando erano 17.381. Nei primi tre mesi si sono registrate 385 iscrizioni a fronte di 414 cessazioni, con un saldo negativo di 29 unità. “Pesano le incognite sul sistema delle imprese – dichiara il vice presidente vicario della Camera di Commercio, Davide Mazzola – tra cui quelle legate al blocco del processo di cessione dei crediti d’imposta derivanti dal “decreto rilancio”, il cosiddetto Superbonus, da parte del sistema finanziario, per il quale era indispensabile correggere gli evidenti errori con misure antifrode, ma senza penalizzare l’intero processo a scapito di imprese e professionisti seri che avevano contribuito alla crescita del 2021.

Pur tenendo presente gli aspetti stagionali che influenzano il bilancio del primo trimestre dell’anno, con il peso delle chiusure comunicate a fine anno precedente e rilevate a gennaio, i dati del primo trimestre del 2022 restituiscono il profilo di un sistema imprenditoriale in stallo.

Anche dall’edilizia, che aveva registrato una crescita nel 2021, provengono segnali contrastanti: le imprese di costruzioni scendono a 2.935 (-1,5%), mentre le attività immobiliari salgono a 886 (+3,4%). In lieve diminuzione risultano le attività dei servizi di alloggio e ristorazione (2.400 unità, -0,2%), mentre salgono quelle dei servizi di informazione e comunicazione (324 imprese, +1,6%) e le attività di noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (715 unità, +1,7%).

Più significativa la riduzione nei settori principali: risultano in calo le imprese operanti nel commercio (4.333 unità, -3,2%), le imprese agricole (1.192 unità, -2,1%) e le attività manifatturiere (1.426 imprese, -2,8%). E’ notevole anche il calo delle imprese del trasporto e magazzinaggio (547 unità, -4,9%).

“Le valutazioni di calo – commenta aggiunge Davide Mazzola – sono ancora in un’ottica prudenziale. Il Consiglio camerale ha intanto approvato il Piano pluriennale nel quale sono individuati mandato e missione della Camera di Commercio per gli anni 2022 -2026 e sono state individuate le priorità d’intervento che saranno ora sviluppate in linee concrete di azione per sostenere e sviluppare il sistema economico locale”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi