Ultimi Articoli

Fai-Conftrasporto: “Al via il nuovo piano della logistica ma senza il ministro e … assente il turismo”

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Milano – Sono iniziati a Milano i lavori per avviare gli approfondimenti sul nuovo Piano della logistica, che vede presenti gli stakeholder.

“Peccato che all’incontro mancasse il protagonista principale, il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili”, ha subito polemicamente affermato il presidente Fai-Conftrasporto Paolo Uggè.

Ad ogni modo sono stati sei i temi affrontati. Tra questi anche il turismo, “che tuttavia, e questo è stato un errore – ha rimarca Uggè – non ha visto coinvolta la maggior rappresentante del settore qual è indubbiamente Confcommercio”.

“I lavori si sono svolti per tavoli tematici, che hanno raccolto le diverse opinioni degli esperti presenti – spiega Uggè – È prevista una prosecuzione in autunno dopo la quale si dovrebbe avviare il percorso che deve, in sintonia con le procedure previste, ottenere l’approvazione del Consiglio dei ministri, del Parlamento e, penso, anche dalla Consulta delle Regioni”.

“Trasporti, logistica e turismo vivono un tema in comune: l’accessibilità – prosegue Uggè – Solo infrastrutture adeguate in modo inevitabile ne consentono lo sviluppo e il successo. Muovere le merci e le persone rapidamente è un’esigenza di un sistema Paese che vuole competere”.

“Questo Piano, che deve ancora essere realizzato – ha precisato il presidente Fai-Conftrasporto – sembrerebbe adottare la stessa impostazione dell’ultimo, che prese il via da un ‘Patto’ sottoscritto presso la presidenza del Consiglio dalle rappresentanze economiche nel marzo 2006 e, dopo l’approvazione del Cipe, pubblicato in Gazzetta Ufficiale”.

“In vista della realizzazione del nuovo documento, è stato scelto invece il confronto diretto con gli imprenditori, che si chiedono se il nuovo Piano sarà approvato e adottato, alla luce dei tempi piuttosto ristretti, o se avrebbe seguito il destino degli altri stipulati dagli anni ‘80 in poi, nessuno dei quali realizzò pienamente gli obiettivi fissati”.

“Intanto i problemi reali dei trasporti che l’economia deve subire, anche perché non si affrontano se non ideologicamente le problematiche collegate al trasporto e la logistica, restano aperti, quando non vengono rigettati nel limbo da sentenze dei tribunali amministrativi”.

“Un’idea fin che resta un’idea è soltanto un’astrazione, cantava Giorgio Gaber. Speriamo che questo ‘tour  remake’ non resti tale”, ha concluso il presidente di Fai-Conftrasporto.

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi