Ultimi Articoli

Gli interventi per la crescita dello scalo di Gioia Tauro che mantiene il primato nazionale nel transhipment

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Gioia Tauro – E’ stato definito un “incontro partecipato e propositivo” quello che si è tenuto nella sede dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio tra il presidente Andrea Agostinelli e una delegazione di Fratelli d’Italia.

La delegazione era guidata dall’on. Wanda Ferro, coordinatrice regionale, l’on. Andrea Delmastro, capogruppo in Commistione Esteri, l’on. Vincenzo Sofo, europarlamentare, l’on. Giuseppe Neri, consigliere regionale capogruppo Fdi e Francesca Frachea, consigliere comunale capogruppo Fdi.

Nel corso dell’incontro il presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio ha illustrato gli interventi, in itinere e in programmazione, pianificati dall’Ente per garantire l’ulteriore crescita dello scalo di Gioia Tauro, che mantiene il primato nazionale nel settore del transhipment.

Unico porto in Italia capace di ricevere le navi più grandi al mondo, dotate di oltre 400 metri di lunghezza, 60 di larghezza e una capacità di trasporto superiore ai 22mila teus.

<<Nei primi due mesi del 2022 – ha dichiarato Agostinelli – abbiamo già registrato un ulteriore aumento del 28,5% dei traffici container, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sono, altresì, soddisfatto del lavoro svolto da Automar Spa, che si occupa del trasporto delle autovetture a Gioia Tauro. Proprio ieri – ha aggiunto Agostinelli – è attraccata alle nostre banchine la Grimaldi Eco Malta, proveniente dalla Corea del Sud, tra le più grandi unità ro-ro al mondo per il trasporto marittimo a corto raggio. Ma, soprattutto, tra le più ecofriendly presenti sul mercato mondiale >>.

Agostinelli ha, altresì, evidenziato <<il risultato storico ottenuto attraverso la realizzazione del gateway ferroviario, da cui partono tre coppie settimanali di treni da e verso gli interporti di Bari e di Nola, attraverso il quale si svilupperà una maggiore competitività dello scalo in termini di intermodalità>>. Nel sottolineare l’importanza della diversificazione delle attività offerte dallo scalo calabrese, il presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio ha puntato lo sguardo rivolto ai lavori in corso lungo la banchina di ponente: <<Sono stati finanziati con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza – ha concluso Agostinelli – grazie ai quali sarà perfezionata la porzione di banchina che ospiterà il nostro bacino di carenaggio>>.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi