Ultimi Articoli

Guy Platten (Ics) accusa: occasione sprecata per una rapida transizione verso tecnologie a zero emissioni di carbonio

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 3 minuti

Londra – A seguito della riunione del Comitato per la protezione dell’ambiente marino dell’IMO (MEPC 78), Guy Platten, Segretario Generale dell’ICS – che rappresenta l’80% della flotta mercantile mondiale – ha rilasciato pesanti accuse. governi.

 

“Rifiutando – ha detto – di portare avanti il fondo di ricerca e sviluppo proposto dall’industria marittima, l’IMO (International Chamber of Shipping) ha sprecato l’occasione di dare il via a una rapida transizione verso tecnologie a zero emissioni di carbonio, vitale se si vuole decarbonizzare completamente il settore marittimo entro il 2050.

Nonostante il sostegno di molti Stati dell’IMO (Organizzazione Marittima Internazionale), manovre politiche miopi hanno portato di fatto alla cancellazione della proposta. Il segnale inviato significa che il rischio finanziario associato agli investimenti verdi rimarrà elevato, rallentando gli sforzi per passare a combustibili a zero emissioni il prima possibile.
Alcuni hanno affermato che il fondo era una misura basata sul mercato interpretando deliberatamente erroneamente le nostre intenzioni. Il fondo non è mai stato presentato come una misura di determinazione del prezzo del carbonio, che, sebbene sia una misura aggiuntiva che supportiamo pienamente, è politicamente
molto più complessa e richiederà molti anni per svilupparsi.

Se i governi avessero mostrato la volontà politica, il fondo separato per la ricerca e lo sviluppo avrebbe potuto essere operativo l’anno prossimo, raccogliendo miliardi di dollari dall’industria senza alcun costo per i governi.

Nonostante la mancanza di una leadership governativa presso l’IMO, l’industria marittima rimane impegnata a trovare il modo di raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. I finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo saranno in cima all’agenda del vertice Shaping the Future of Shipping, che sarà ospitato da ICS
a Londra il 21 giugno. Riuniremo i principali CEO di tutto il nostro settore globale per trovare modi per decarbonizzare praticamente lo shipping”.
Simon Bennett, Vice Segretario Generale di ICS, ha aggiunto: “Oltre a fornire mezzo miliardo di dollari all’anno per sostenere i programmi globali di ricerca e sviluppo, il fondo avrebbe fornito 50 milioni di dollari all’anno per sostenere i progetti di riduzione dei gas serra marittimi nei paesi in via di sviluppo, un aumento
di dieci volte rispetto all’attuale budget di cooperazione tecnica dell’IMO.
Purtroppo, sembra che anche questa opportunità di fornire un aiuto immediato a paesi come piccoli Stati insulari in via di sviluppo sia andata persa.

Resta la possibilità per l’IMO di utilizzare l’architettura normativa proposta dal Fondo per sostenere una futura tassa globale sul carbonio sulle emissioni di CO2 del
trasporto marittimo, per colmare il divario di prezzo con combustibili a zero emissioni di carbonio quando saranno disponibili e fornire fondi significativi per aiutare ad accelerare la transizione verso lo zero netto entro il 2050.

Se il sistema di contributi che abbiamo sviluppato può accelerare l’attuazione di una tassa globale sul carbonio per il trasporto marittimo, potremmo ancora essere in grado di guardare indietro a questa battuta d’arresto presso l’IMO come un momento di successo significativo.

La proposta di istituire un International Maritime Research and Development Board (IMRB), per accelerare la ricerca e lo sviluppo di tecnologie e carburanti a zero emissioni di carbonio, è stata presentata congiuntamente all’IMO dalle principali associazioni di categoria del settore marittimo nel 2019. A ciò è seguita
una regolamentazione completa proposta nel 2020 da 10 governi (tra cui le principali nazioni marittime di Danimarca, Grecia, Giappone e Singapore, nonché Georgia, Liberia, Malta, Nigeria, Palau e Svizzera) per un contributo obbligatorio di R&S, a carico delle navi a livello globale, degli Stati Uniti $ 2 per tonnellata di
carburante marittimo consumato, a un Fondo per la ricerca marittima dell’IMO (IMRF). L’IMRF avrebbe fornito circa 5 miliardi di dollari di finanziamenti per programmi di ricerca e sviluppo.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi