Ultimi Articoli

I doni della fratellanza alle messe pasquali per gli equipaggi delle navi della Costa nel Golfo della Spezia

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – Sono stati incontri intensi di amicizia e di fratellanza quelli vissuti nella ricorrenza pasquale dagli equipaggi delle due navi della flotta Costa alla fonda nel Golfo della Spezia da quando è iniziata la pandemia e ancora in attesa di tornare in navigazione.

Le due navi sono la Pacifica e la Fascinosa, sulle quali si sono alternati in questi due anni, gli equipaggi per la manutenzione ordinaria, e che sono assistiti nelle loro necessità dalla Società La Spezia e Marina di Carrara Cruise.

Sulle due unità, nella ricorrenza di Pasqua è salito fra Gianluigi Ameglio, padre guardiano del convento di Gaggiola, sulle colline della Spezia, cui è affidata la cura della Parrocchia della Vergine Stella Maris per celebrare la messa, assistito dai volontari della parrocchia del porto.

Ed è così che con il suo sorriso contagioso, padre Ameglio, ha seminato serenità a piene mani tra donne e uomini dei due equipaggi lontani dalle loro famiglie, dalle loro case e dai loro Paesi.

Non occorrono molte parole per descrivere quanto è avvenuto, anzi. Le immagini parlano da sole e entrano nell’album prodigioso della Stella Maris, la parrocchia nel porto, affidata a padre Ameglio, per l’assistenza morale, religiosa e sociale ai portuali e ai marittimi.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi