Ultimi Articoli

Il blocco del porto Shanghai continua e gli effetti più pesanti si faranno sentire in Occidente tra 40 o 50 giorni

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Shanghai – Il blocco del porto di Shanghai rallenta la catena logistica e rischia di avere conseguenze pesanti anche sulle imprese.

La tolleranza zero continua ad alimentare un ingorgo di proporzioni gigantesche al porto che è il principale scalo marittimo cinese e il più grande porto commerciale del mondo, dove transitano 47 milioni di Teus all’anno. In Cina il governo continua a mantenere la linea anti-Covid durissima, con un lockdown che ha bloccato in casa 25 milioni di persone a Shangai e che sta mettendo a dura prova molti distretti della stessa Pechino. 

Questo significa che i ritardi nelle consegne risultano imprevedibili impedendo alle imprese di rispettare i termini di consegna dei beni lavorati o dei componenti e agli esercizi commerciali di avere alcune merci da mettere in vendita.

Una situazione peraltro inedita questa, ricordando che  durante il lockdown del 2021, la “coda” di navi a Shanghai non era mai andata oltre le 200 e per questo si temono conseguenze molto pesanti sul commercio mondiale.
La logistica mondiale, provata anche dagli effetti del conflitto russo-ucraino sta soffrendo per pesante strozzatura, con treni che partono dai porti degli altri continenti mezzi vuoti, e prezzi dei container e dei trasporti che salgono e scendono in base a logiche imprevedibili, legate prima di tutto alla disponibilità.

Ma appare ormai prevedibile che gli effetti del blocco di Shanghai saranno evidenti tra 40 o 50 giorni, periodo corrispondente al tempo medio di percorrenza di un container che da Shanghai deve arrivare nei porti più occidentali.

È dunque impossibile quantificare i danni economici – diretti e indiretti, immediati e a medio termine – tenuto conto che la Cina per l’Italia è il nono partner commerciale per valore di beni esportati e il terzo per beni importati per cui quando la situazione tornerà alla normalità si tornerà a una spinta improvvisa verso l’alto delle spedizioni e, quindi, delle tariffe per i trasporti via mare, alimentando ancora il fenomeno dell’extra costo.

Nella cartina le navi bloccate nel porto di Shanghai e quelle in attesa che stanno superando il record delle 500 unità

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi