Ultimi Articoli

Il modello economico di un Paese avanzato non può prescindere dalla centralità dei sistemi portuali, dalla catena logistica e dagli operatori che la rendono efficiente

Tempo di lettura: 2 minuti

Il modello economico di un Paese avanzato non può prescindere dalla centralità dei sistemi portuali, dalla catena logistica e dagli operatori che la rendono attiva ed efficiente.

Intervento di Salvatore Avena

Oggi è più chiara a molti la percezione di quanto sia strategica la logistica e con essa le attività portuali nella filiera e nel controllo dell’economia di un Paese.

Fino a qualche tempo fa, infatti, i porti e la logistica nel nostro Paese erano non solo poco conosciuti ma anche, se conosciuti, lo erano soprattutto in una accezione per lo più negativa. Erano ad esempio identificati come i generatori del caos nei trasporti ma soprattutto, i porti e le aree logistiche, erano considerati comparti che, attraverso le proprie infrastrutture e le proprie attività lavorative, causavano impatti ambientali eccessivi.

Forse per molto, troppo tempo, la discussione e il confronto si sono limitati a questi aspetti alimentando le contrapposizioni fra ambienti economici e comunità territoriali, allontanando così ogni forma di integrazione condivisa e condizionando in negativo anche ogni possibile potenzialità economica ancora inespressa.

La consapevolezza, inoltre, del ruolo strategico dei porti, dei trasporti e della logistica per l’economia del Paese, che rappresenta una parte significativa del PIL italiano, non solo non si è avuta e quindi valorizzata nei territori e fra le comunità ma spesso è stata la stessa politica a non averne la necessaria attenzione.

Si è poi scoperto che nel periodo della pandemia, quella che è definita la catena globale degli approvvigionamenti, è invece una attività essenziale per mantenere in vita e in attività l’intero Paese.

Si è scoperto che le infrastrutture, in particolare quelle stradali, sono essenziali e quindi strategiche per garantire quegli stessi approvvigionamenti.

Si è scoperto, anche tra gli addetti nel mondo della logistica e della portualità, che il green pass è riconosciuto come una garanzia per la libertà nel lavoro e nella continuità della vita sociale!

E non è quindi un caso che i Porti in questi giorni siano stati individuati come sit-in ideali di protesta per manifestare contro i provvedimenti del Governo! Si è verificata insomma una sorta di strumentalizzazione al contrario dove il luogo della protesta è l’area portuale mentre i manifestanti sono per lo più, salve le eccezioni, persone estranee alle attività portuali e della logistica.

Questo aspetto conferma purtroppo la visione diffusa che i Porti e la logistica dell’ultimo miglio sono ancora percepiti non per quello che realmente fanno e che hanno dimostrato di fare e saper fare.

Ora l’intero Paese si appresta a vivere la grande opportunità del PNRR, il tema della transizione ecologica, della transizione digitale e della transizione sociale sono in gran parte temi che trovano terreno fertile nelle attività portuali e della logistica e bene ha fatto il Governo a ricordarlo nel programma al suo insediamento.

Perché, è bene tenerlo presente, la sfida si vince rafforzando l’intermodalità, sviluppando l’alta velocità anche per le merci, realizzando infrastrutture più sostenibili, ammodernando i porti, riducendo la burocrazia e accrescendo e spingendo i processi di informatizzazione e di digitalizzazione.

Al netto di questo contesto il prossimo futuro deve essere anche e soprattutto l’occasione per far riscoprire sempre di più all’opinione pubblica l’essenzialità di questo comparto che più di altri va rivalutato e rilanciato. Un comparto che assume e riassume ruoli e funzioni altamente professionali, decisivi e fondamentali per programmare e alimentare l’intera catena logistica e portuale. Mi riferisco ai Terminals portuali, agli Agenti marittimi, alle Case di spedizione, agli Spedizionieri doganali e all’intero sistema dei trasporti su gomma e su treno, tutte figure che spesso sono per lo più ignote a molti decisori e commentatori.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi