Ultimi Articoli

Il Porto della Spezia resta saldamente nei primi dieci terminal crocieristici italiani

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Venezia – Il focus dedicato nella prima parte di questo speciale crociere al Cruise Terminal del Porto della Spezia va ovviamente completato con le previsioni nazionali contenute nel Report di Risposte Turismo sulla stagione in corso.

Ebbene, si è visto e già rilevato che quelle del Porto della Spezia sono in linea con le previsioni, al netto di non auspicabili aggravarsi delle problematiche geopolitiche o di una recrudescenza pandemica, confermano il netto consolidamento della ripresa e la crescita del traffico nazionale rispetto al 2020 e al 2021, trainata soprattutto da un progressivo ritorno all’operatività di più navi e ad un più alto tasso di presenze delle stesse, navi che scaleranno in più porti italiani, alcuni dei quali, si osserva opportunamente, addirittura senza traffico da due anni.

Cercando di far prevalere, insieme al realismo, l’ottimismo, nonostante tutto quello che sta accedendo, se le previsioni verranno rispettate, saranno 7,3 milioni i crocieristi movimentati con oltre 4.300 accosti in più di 50 porti italiani.

Il numero di navi in circolazione nei porti italiani sarà già molto simile al pre covid con quasi tutte le compagnie operative nel Mediterraneo che faranno navigare le loro intere flotte, al netto di quella che potrà essere la piena occupazione delle navi da parte dei crocieristi, condizionata, come è intuitivo, dal perdurare di uno scenario geopolitico che condiziona a sua volta l’andamento dei flussi turistici internazionali.

Tanto sopra premesso, l’analisi di Risposte Turismo trae questa conclusione: si va contraendo il gap sui volumi registrati nel 2019 (-39% passeggeri movimentati e -12% toccate nave) ma, se si pensa che in pre-pandemia il volume atteso a fine 2020 sarebbe stato di oltre 13 milioni, i 7,3 milioni sono solo un parziale recupero del crollo del traffico.

Quanto alla classifica dei porti, quello di Civitavecchia si conferma anche per il 2022 come primo scalo crocieristico italiano con le stime che prevedono 1 milione e 450mila passeggeri. Al secondo posto si trova Genova con il polo crocieristico che nel 2022 vedrà transitare circa 950mila passeggeri, sul terzo gradino del podio si trova il porto di Napoli con 900mila passeggeri.

Anche queste sono le stime pubblicate nel report di Risposte Turismo, organizzazione, ricordiamo, specializzata in ricerche nell’ambito travel e turismo, in base alle quali la Liguria e la Sicilia saranno le uniche regioni a poter vantare più porti fra i primi dieci di questa graduatoria, oltre a Genova infatti sono presenti in classifica per la Liguria appunto anche Savona e La Spezia.

Nelle prime dieci posizioni rientrerà anche il porto di Livorno e troveremo gli scali di Catania, Olbia e Brindisi che vedranno un notevole incremento di presenze nel 2022 mentre a fine 2022 dovrebbero essere 16 i porti italiani a riuscire a movimentare oltre 100.000 movimenti passeggeri.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi