Ultimi Articoli

Il segretario generale di Trasportounito Maurizio Longo avverte: l’assenza sul mercato dell’Adblue provocherà il blocco dei Tir più moderni e meno inquinanti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

 Un’altra insidia si prospetta sulla catena logistica per l’assenza sul mercato dell’Adblue (urea diluita in acqua distillata), che i Tir Euro 5 e Euro 6 (cioè i più ecologicamente avanzati) devono utilizzare e in assenza del quale i loro motori diesel si fermano.

E con i motori si fermeranno di conseguenza e ovviamente anche i camion dell’autotrasporto italiano che si vedono spinti verso un fermo tecnico globale. Con l’aggiunta di un primo paradosso – che si aggiunge a quello dei pass obbligatori per lavorare per gli autisti italiani e non richiesti agli autisti che vengono dall’estero – cioè solo la libera circolazione dei camion più vecchi e più inquinanti.

A denunciare questa situazione è stato il segretario generale di Trasportounito Maurizio Longo che avverte: “Le scorte di Adblue si stanno rapidamente esaurendo per una reazione a catena che riguarda ormai tutte le regioni italiane. A causa del forte aumento del metano, che serve a produrre ammoniaca e quindi a produrre urea, utilizzata per fertilizzare i campi, e in minima parte convertita in Adblue, questo prodotto indispensabile per far funzionare i motori diesel dei Tir, sta rapidamente sparendo dal mercato.

La catena produttiva di Adblue insomma si è fermata innescando fenomeni di accaparramento di prodotto, di speculazione, che a breve sono destinati a provocare una carenza generalizzata mentre il costo è già balzato da 250 a 500 euro per 1.000 litri.

E’ interessato a questa situazione 1,5 milioni di veicoli immatricolati e adibiti al trasporto delle merci, di cui oltre 300 mila aventi portata superiore a 35 quintali.  Perché tutti gli automezzi per il trasporto merci sono dotati di un sistema che utilizzando l’Adblue abbatte l’ossido di azoto e gli nox.

Di paradosso in paradosso quindi con Tir euro 5/6 fermi (perché senza Adblue il camion non funziona), alla faccia della rottamazione e della transizione ecologica – commenta duro Maurizio Longo – si sta innescando un effetto boomerang: chi non ha cambiato camion e si è tenuto in flotta gli inquinanti euro 0-1-2-3-4 si ritrova, a breve in una posizione di vantaggio competitivo. Mentre chi ha investito su mezzi a metano si trova con un costo di oltre 2 euro/litro senza poter recuperare parte delle accise. “Il fermo dei mezzi più moderni, renderà obbligatorio l’utilizzo dei Tir vecchi, con una esplosione di prezzi gonfiati e con un incremento record delle emissioni. Il tutto – osserva Trasportounito – nel totale disinteresse delle Autorità di vigilanza sul mercato e delle istituzioni”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi