Ultimi Articoli

“Il trasporto marittimo non si potrà decarbonizzare senza i suoi lavoratori, 800 mila dei quali richiederanno una formazione aggiuntiva

Tempo di lettura: < 1 minuto

Sharm el-Sheikh – Dalla Conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici, in corso fino al 18 novembre a Sharm el-Sheikh,  le organizzazioni Onu, gli armatori e i sindacati, lanciano, come abbiamo già avuto modo di rilevare, un nuovo Piano di azione ed un monito: “il trasporto marittimo non si potrà de carbonizzare senza i suoi lavoratori”.

Quale è lo scopo? Migliorare le competenze della gente di mare come strategia per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione  che l’industria marittima si è posta.

Anche perché il piano risponde ai risultati di una nuova ricerca, in base alla quale fino a 800.000 marittimi richiederanno una formazione aggiuntiva entro la metà degli anni ’30.

Attualmente, rappresentando il 3% delle emissioni globali, il trasporto marittimo deve passare dai carburanti convenzionali a carburanti e tecnologie alternativi a basse e zero emissioni di carbonio per raggiungere l’obiettivo mondiale di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C o meno entro il 2050.

IE sono gli scenari di riduzione delle emissioni valutati nella ricerca che evidenziano la necessità immediata di iniziare a mettere in atto l’infrastruttura per la formazione, per garantire che centinaia di migliaia dei quasi due milioni di marittimi nel mondo siano qualificati e potenziati durante la transizione.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi