Ultimi Articoli

La Scuola di Vela di Santa Teresa è parte dell’offerta turistica e fiore all’occhiello del Golfo della Spezia

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LERICI – Il bilancio di 7 anni di attività della Scuola di vela è stato illustrato dall’amministratore delegato Ugo Vanelo nell’incontro a Santa Teresa, “un microcosmo immerso nella natura”, come lo ha definito il manager Luca Erba.

Lo stesso che ha voluto rilevare nel confronto, moderato gli interventi il giornalista Thomas de Luca, con i rappresentanti degli enti come “la scuola di mare Santa Teresa non è solo una scuola ma un progetto che prevede la didattica, e prevede l’accesso a chiunque perché il mondo della vela ha un codice etico che vorremmo che fosse ereditato da tutti”.

Il sindaco di Lerici, comune nel quale è sorta la scuola, Leonardo Paoletti ha salutato le idee innovative di Ugo Vanelo diventate anche le idee del territorio. La scuola di vela promuove il territorio da par suo come eccellenza anche a livello nazionale. Ed è per questo – ha concluso – che “la scuola è diventata parte integrante della nostra offerta turistica e un fiore all’occhiello del nostro golfo”.

Per Pierluigi Peracchini, sindaco della Spezia e presidente della Provincia, servirebbero riforme a livello nazionale per permettere al territorio di fare scelte nuove sui propri spazi e sulle proprie risorse. Il “sistema Italia” necessità di riforme, siamo indietro su tutto.

Marco Casarino, segretario della Camera di Commercio, ha ricordato che Santa Teresa è un progetto che parte da lontano, molto di più dei 7 anni, risultato di una collaborazione tra gli enti, interessante sintesi tra un’iniziativa imprenditoriale e il pubblico servizio. Partendo dal dato che La Spezia è diventata la prima provincia per addetti nell’economia del mare e un’eccellenza nel campo della diportistica ma poi veniamo penalizzati da un ponte crollato che non ci permette di usare una darsena da oramai 18 mesi.
Il turismo sostenibile,  con attenzione all’ambiente e ai prodotti locali sia della terra sia dalla mitilicoltura, chiama a nuove sfide alle quali la provincia è chiamata.

Il meeting si è concluso con l’illustrazione, con l’assessore Claudia Gianstefani, del progetto Smat Bay da parte degli enti che si occupano dell’ambiente a Santa Teresa, ENEA, CNR, ING.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi