Ultimi Articoli

L’Associazione Sostenitori della Polstrada annuncia una nuova stangata sui prezzi per gli aumenti delle… multe stradali

Tempo di lettura: 2 minuti

Roma – “È in arrivo una nuova stangata sui prezzi ma questa volta non si tratta dei rincari sui carburanti, sulle bollette o sui generi alimentari, bensì sulle multe stradali”.

A ricordarlo è  l’Associazione Sostenitori della Polstrada (Asaps), che, a partire dal 1° gennaio 2023, prospetta un aumento del 10% rispetto agli importi attuali.

L’incremento delle sanzioni del Codice della Strada, in realtà, è figlia di un automatismo previsto dalle legge. Ogni due anni, infatti, si registrano solitamente dei ritocchi al listino delle multe in base all’inflazione e in particolare all’indice Foi, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. Il problema è questi ritocchi verso l’alto cadono in una situazione economica già complicata per famiglie ed imprese ed è per questo che l’Asaps ha chiesto a gran voce al governo di bloccare l’aumento biennale delle sanzioni per evitare il rischio di un default stradale.

“Premesso che siamo, come sempre, per il rispetto del Codice della Strada e per la legalità, si rischia che le multe rimangano grida manzoniane – si legge in una nota dell’Asaps – perché questi aumenti esaspereranno gli automobilisti e non verranno mai pagati o solo in minima parte, come dimostrato dai cali di incassi del bilancio dello Stato e degli enti locali, in materia di riscossione volontaria”.

Se la stima del rincaro del 10% fosse confermata, un divieto di sosta – tanto per prendere come esempio una delle infrazioni più diffuse – passerebbe così dagli attuali 42 a 46 euro. Un superamento del limite di velocità da 10 a 40 km/h, invece, andrebbe da 165 a 181 euro, mentre la stessa violazione della fascia tra i 40 e i 60 km/h andrebbe da 543 euro a 597 euro.

Sempre l’Asaps ricorda che l’ultimo provvedimento risale al 31 dicembre 2020 ed “ebbe come conseguenza unadiminuzione minima delle multe, con un calo dello 0,2%. Il risultato fu una riduzione delle sanzioni 2021-2022, ma solo quelle che avevano un importo superiore a 250 euro, con la stragrande maggioranza di violazioni rimaste inalterate”.

Fonte: Uomini e Trasporti 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi