Ultimi Articoli

L’economia del mare in Europa: 4,5 milioni di occupati, un fatturato di 665 miliardi e un valore aggiunto di 184 miliardi di euro

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 3 minuti

Bruxelles – La Commissione europea ha pubblicato il suo rapporto annuale sull’economia blu dell’UE per fare il punto e scoprire le ultime tendenze e sviluppi in tutti i settori economici legati agli oceani e alle aree costiere.

Con quasi 4,5 milioni di occupati, un fatturato di oltre 665 miliardi di euro e un valore aggiunto lordo di 184 miliardi di euro, i settori dell’economia blu dell’UE contribuiscono in modo significativo all’economia dell’UE, soprattutto nelle regioni costiere.

Inoltre, il Rapporto rileva che i settori blu dell’UE sono un terreno fertile per soluzioni e tecnologie innovative che possono aiutare a combattere il cambiamento climatico e portare la transizione verde al livello successivo e segnala il costo elevato che potrebbe derivare dalla mancata azione per combattere il cambiamento climatico, stimando che i danni causati dall’innalzamento del livello del mare potrebbero causare una perdita diretta di oltre 200 miliardi di euro all’anno entro il 2080 e in termini di impatto indiretto, il danno alla società potrebbe toccare i 500 Mld di euro di servizi nelle regioni costiere, derivanti principalmente dal danno agli ecosistemi acquatici e dall’erosione costiera.

Le principali tendenze per il 2019 e la pandemia di Covid-19 Anche nel 2019, le risorse marine, l’energia marina rinnovabile, le attività portuali, la costruzione e riparazione navale, i trasporti marittimi e il turismo costiero restano la spina dorsale dell’economia blu dell’UE. Rispetto al 2018, questi settori sono cresciuti in termini di Valore Aggiunto Lordo (+4,5% a 184 miliardi di euro) e di utile lordo (+7% a 72,9 miliardi di euro), mentre l’occupazione è rimasta stabile intorno ai 4,45 milioni di persone. Grazie all’accelerazione dei trend di crescita di questi settori negli ultimi 10 anni, il VA ha registrato un aumento complessivo di oltre il 20% rispetto al 2009, mentre l’utile lordo è aumentato del 22% e il fatturato totale del 15%.

Tra i settori consolidati, particolarmente degni di nota sono gli sviluppi nel settore delle risorse biologiche e nel settore delle energie rinnovabili marine. Il settore delle risorse biologiche ha registrato un aumento del 41% dei profitti lordi negli ultimi 10 anni a 7,2 miliardi di euro nel 2019, rendendo il settore in più rapida crescita in termini di GVA dopo la costruzione e la riparazione navale.

Il settore delle energie rinnovabili marine, essendo un contributo fondamentale al raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo e delle strategie energetiche dell’UE, sta crescendo in modo esponenziale e ha registrato un aumento dell’occupazione del 17% rispetto al 2018.

Sulla base dei dati preliminari 2020, il Rapporto fornisce anche una valutazione degli effetti del Covid-19, confermando il suo un impatto significativo sulla maggior parte dei settori della blue economy. Questo impatto è stato più che proporzionale rispetto al resto dell’economia dell’UE e ciò può essere spiegato dalla quota maggiore del turismo costiero nell’economia blu dell’UE – il 44% del VAL totale e il 63% dell’occupazione – che è stata colpita in modo particolarmente duro durante il primo anno della pandemia, fino a più della metà della sua dimensione originaria sulla base di dati preliminari.

I settori emergenti come driver per la transizione verso la sostenibilità.

Accanto ai settori consolidati, il rapporto evidenzia il potenziale significativo per un’ulteriore crescita dell’economia blu attraverso lo sviluppo dei settori emergenti e altamente innovativi, come la bioeconomia blu, l’innovazione e la robotica blue-tech e le tecnologie dell’energia oceanica. Sebbene agli albori, queste tecnologie hanno il potenziale per offrire soluzioni sostenibili in grado di accelerare la transizione necessaria affinché l’UE mantenga i suoi ambiziosi impegni in materia di sostenibilità. Tale transizione è necessaria affinché gli oceani rimangano fornitori di servizi ecosistemici cruciali, come la biodiversità, la cattura del carbonio, il cibo e i materiali. Tuttavia, gli ecosistemi marini sono sottoposti alla pressione del cambiamento climatico e dell’inquinamento dovuto ai rifiuti di plastica, ai nutrienti eccessivi e ai contaminanti chimici. Per affrontare gli impatti a lungo termine di tali pressioni, l’UE si impegna a monitorare e anticipare le tendenze sottostanti e informare di conseguenza l’elaborazione delle politiche dell’UE.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi