Ultimi Articoli

Marina di Carrara, le chances attese da nautica da diporto, cantiere navale e crociere

Tempo di lettura: 3 minuti

La relazione al Piano Operativo Triennale dell’Autorità di Sistema del Mar Ligure Orientale, esaminati l’andamento dei traffici e i progetti di sviluppo del Porto di Marina di Carrara propone una sintesi sulla nautica da diporto, cantiere navale e crociere.

 

di Mario Sommariva

Passando al settore manifatturiero della nautica da diporto, caratterizzato da un tessuto di piccole e medie imprese di produzione di yacht dislocate sul territorio, si aggiunge all’interno del bacino portuale lo stabilimento in concessione alla Società Nuovi Cantieri Apuania SpA.

Nel dicembre 2012 la Nuovi Cantieri Apuania S.p.A. è stata rilevata dal gruppo Admiral Tecnomar – The Italian Sea Group (TISG), che opera direttamente in porto nel settore della costruzione di mega yacht e del refitting.

TISG ha avviato, interamente a proprio carico, gli interventi per la riorganizzazione e la razionalizzazione degli spazi in concessione, in modo tale da migliorare in maniera significativa la fruibilità degli spazi stessi, al fine di consentire la costruzione e l’allestimento di imbarcazioni da diporto (superyacht) fino a 120 m di lunghezza per poter soddisfare le continue richieste che arrivano dal mercato, sia per quanto riguarda le nuove costruzioni che le attività di refitting.

Ad oggi sono in corso i lavori di realizzazione di un secondo bacino di carenaggio di circa 48 m di larghezza e di circa 144 m di lunghezza, in testa all’attuale Banchina TISG di Ponente e alla banchina Chiesa e delimitato da una barcaporta.

Inoltre, è in corso la realizzazione del nuovo assetto delle aree a terra mediante la realizzazione di un nuovo capannone e l’ampliamento di un capannone esistente.

Anche il settore croceristico rappresenta un’occasione di crescita e, soprattutto, di diversificazione delle attività per il porto di Marina di Carrara; può anche produrre effetti positivi sul tessuto sociale ed economico della città. In particolare, si sta verificando concretamente l’interesse di alcuni principali operatori del settore per l’implementazione del traffico.

Si riportano qui di seguito i traffici registrati nel periodo 2018 – 2021 (al 30/05/2021) con una proiezione dei traffici per il 2021 (al 31/12/2021) dei più importanti Concessionari (in base all’ex art. 16 e 18 della Legge 84/94) che operano nel porto di Marina di Carrara.

La proiezione mostra un incremento considerevole sull’anno 2021, che attesterebbe il traffico complessivo a 3.486.350 tonnellate a fronte di un parziale reale, fino al 31/5/2021, di 1.285.979 tonnellate. Tale considerevole incremento dipende dal fatto che è previsto, proprio nel periodo della proiezione, l’avvio del nuovo ed ulteriore traffico di scaglie di MDC Terminal di cui si è detto sopra, la cui quota parte per il 2021 inciderebbe, perciò, più che proporzionalmente sul totale del movimentato per il 2021.

(17 – continua)

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi