Ultimi Articoli

Motori a combustione, posticipare lo stop al 2040? Uggè, (Conftrasporto): “Una proposta sensata”

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Roma – “Bene la proposta di far slittare lo stop delle auto a benzina al 2040, ora si modifichi il testo sui veicoli commerciali con regole premianti per quelli di nuova generazione e per quelli alimentati a Gnl, metano e fonti meno inquinanti”.

Il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè (che guida anche la Federazione degli Autotrasportatori Italiani) commenta così la posizione dell’Italia che, assieme ad altri quattro Paesi (Bulgaria, Portogallo, Romania e Slovacchia), propone di posticipare l’eliminazione dei motori a combustione dal 2035 al 2040 e di ridurre le emissioni di Co2 del 90% (anziché del 100% come proposto dalla Commissione europea e dall’Europarlamento) nel 2035.

“Quella dello slittamento è una strada sensata, anche alla luce della situazione in essere, che Conftrasporto condivide – prosegue Uggè – Ciò che tuttavia è necessario è che non diventi un ‘liberi tutti’, ma introduca meccanismi premianti per chi utilizza automezzi alimentati con sostanze meno inquinanti”.

“Conftrasporto è per l’ambiente pulito e sano, ma dice ‘no’ alla demagogia che frena gli investimenti delle imprese serie”, conclude il presidente di Conftrasporto.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi