Ultimi Articoli

Nella morsa di pandemia, caro energia e inflazione la Bce lascia invariati i tassi di interesse

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Monaco – La pandemia rallenta ma il caro energia (gas e elettricità) rischia di frenare la tenuta strutturale della ripresa economica al quale si somma l’incertezza sull’andamento dell’inflazione.

In questa situazione la Bce, come si sa, ha deciso di lasciare i tassi d’interesse fermi, invariati. Il tasso principale dunque rimane a zero, il tasso sui depositi a -0,50% e il tasso sui prestiti marginali a 0,25%.

La Banca centrale europea ha inoltre  confermato lo scenario delineato a dicembre sugli acquisti di bond: nel primo trimestre gli acquisti netti di attività nell’ ambito del programma pandemico (Pepp) procederanno a un ritmo inferiore rispetto al trimestre precedente e il programma giungerà a conclusione alla fine di marzo mentre i reinvestimenti proseguiranno almeno fino alla fine del 2024.

Confermate anche le altre decisioni prese a dicembre: il programma App proseguirà al ritmo di 40 miliardi di euro al mese nel secondo trimestre e di 30 nel terzo per poi tornare al ritmo regolare di 20 miliardi di euro al mese a partire da ottobre.

Il Consiglio direttivo rimane infine pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l’inflazione si stabilizzi sull’obiettivo del 2% a medio termine.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi