Ultimi Articoli

Nessuno risponde ai pescatori livornesi che chiedono un confronto sui lavori della Darsena Europa nel porto

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Livorno – Andrea Bartoli, vicepresidente e referente di Fedagripesca Confcooperative Toscana è intervenuto sui “lavori della Darsena Europa che causeranno un blocco della pesca dal nord del porto di Livorno al parco di San Rossore, mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro”.

“Non siamo contro un’opera importante per l’economia dell’intera regione, ma – ha spiegato – è necessario che i pescatori e le aziende che andranno in crisi siano sostenuti economicamente”.
Questo il suo ragionamento: “I lavori dovrebbero iniziare il prossimo inverno e ancora non abbiamo garanzie di un sostegno per i pescatori. Non è ammissibile. C’è stato un tavolo di confronto con la Regione Toscana e Stefania Saccardi, assessore regionale all’Agricoltura, che ha preso atto della problematica, mentre al contrario l’Autorità Portuale di Livorno non aveva nemmeno considerato l’impatto sui lavoratori e sulle attività di pesca professionale. Da quell’incontro, però, non sono emersi passi in avanti e ad oggi non c’è nessuna procedura effettiva”

“Ci siamo rivolti ai sindaci e agli assessori all’ambiente e alle attività produttive dei Comuni di Livorno e Pisa, ma senza alcun riscontro. Invece servono risposte quanto prima perché non vorremmo che si ripetesse l’esperienza negativa del Rigassificatore offshore, una vicenda in cui il settore non ha avuto alcun sostegno per la perdita di una vasta area di pesca tra le più importanti per la flottiglia livornese”.

A preoccupare i pescatori e le aziende sono principalmente due conseguenze.

La prima è “l’inagibilità di quella porzione di mare che sarà chiuso per sicurezza e in generale difficilmente accessibile e la movimentazione del fondale marino farà fuggire i pesci e provocherà l’intorbidimento delle acque. In quell’area lavorano barche di piccole dimensioni, che non hanno alternative: che fine faranno? Chi ripagherà le perdite? Si parla da anni di questo problema e ancora non sappiamo niente”.

La seconda è che “in seguito ai dragaggi la sabbia estratta sarà utilizzata per sistemare il litorale nelle zone di Tirrenia, Bocca d’Arno e Marina di Pisa, fino al mare di fronte al parco di San Rossore, per i rifacimenti delle spiagge sommerse, le uniche zone in Toscana dove si svolge la pesca di vongole e telline, aree campionate ogni mese dall’Asl per certificare la qualità dell’acqua e del pescato”.

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi