Ultimi Articoli

Nonostante il blocco di Shanghai, il Ministero dei Trasporti annuncia la crescita dei Teus movimentati

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Pechino – “Crescita economica stabile e movimentazione nei porti in crescita quanto a flusso di merci da gennaio a marzo 2022”.

A rilevarlo sono i dati ufficiali diffusi dal ministero dei Trasporti che quantificano in 3,63 miliardi di tonnellate la movimentazione del primo trimestre di quest’anno, e quindi in percentuale una crescita del 2,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2021 e dell’1,6 per cento su base annua. In valori assoluti il dato è imponente: 67,38 milioni di  Teus.

Ma c’è di più, soprattutto alla luce del blocco totale di Shanghai, il più grande porto cinese e del mondo, perché sempre secondo i dati del Ministero dei Trasporti cinese nel solo marzo i porti cinesi hanno movimentato merci per 1,27 miliardi di tonnellate e  23,79 milioni di Teus.

A Shanghai intanto la situazione resta drammatica con oltre 26 milioni di cinesi bloccati in casa, lavoro, produzione, trasporti e porto bloccati, con quasi 500 navi ferme nelle banchine o in rada in attesa di eventi. A nulla è ancora valsa l’avocazione della gestione della metropoli da parte del governo centrale di Pechino, città a sua volta alle prese anch’essa con un quartiere centrale di altri 25 milioni di abitanti bloccati per il Covid.

A Shanghai sarebbero utilizzati droni e perfino cani robot con megafoni per controllare l’andamento del lockdown imposto dalle autorità dopo una nuova impennata di casi covid.

Proprio per questo, come documentato da numerosi video e da un reportage del Corriere della Sera, Pechino sta impiegando tutta la sua tecnologia per controllare i sempre più insoddisfatti cittadini della megalopoli.

Tra i video circolano Le “Voci di Aprile”, sei minuti di libertà che la censura cinese non è riuscita a bloccare e che sta raccontando al mondo che cosa accade a Shanghai. E’ un cortometraggio che riunisce frammenti audio di annunci ufficiali del governo, registrazioni di dialoghi tra vicini di casa, tra impiegati pubblici e cittadini esasperati, camionisti addetti alla consegna delle razioni giornaliere di cibo alle persone costrette a restare in casa. Sono sfoghi, voci che danno concretezza al dolore e alla frustrazione di milioni di persone da quando, nel volgere di poche ore, la politica zero-Covid ha indotto le autorità cinesi a decretare un nuovo marziale lockdown nella città che rappresenta il cuore finanziario della Cina (Fonte: Graziano Cetara). 
E ora anche un popoloso e centrale “quartiere” di Pechino rischia di condividere il destino di Shanghai.

 

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi