Ultimi Articoli

Parte da Taranto la sperimentazione, sulla direttrice adriatica, dei treni a lievitazione magnetica

Tempo di lettura: < 1 minuto

Taranto – Partono dalla Puglia gli studi di fattibilità per la sperimentazione della circolazione ferroviaria per l’applicazione della tecnologia di sistema di lievitazione magnetica da sfruttare su binari esistenti.

Per questa sperimentazione è stata scelta la direttrice più rallentata, vale a dire quella adriatica e, in particolare, quella pugliese.

Alla base del progetto il Protocollo d’Intesa tra ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Ferrovie dello Stato Italiane, Rete Ferroviaria Italiana, Regione Puglia e Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio-Porto di Taranto.

E’ un sistema che sfrutta, come è noto, la repulsione e l’attrazione magnetica tra treno e rotaia come strumento di locomozione:  treni e binari non si toccano per cui l’unica forza in grado di opporsi al suo moto, prodotto da cuscinetti magnetici di poli opposti e di bobine elettrificate, è l’attrito dell’aria, con minore dispendio energetico, maggiore velocità (in genere sui 5-600 km/h, ma in teoria anche molto di più), contenuta rumorosità.

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi