Ultimi Articoli

“Per Arsenale e Base navale spezzini serve un piano di rilancio organico e coerente, basta interventi una tantum”. 

Tempo di lettura: < 1 minuto

LA SPEZIA – Tornano alla carica sull’Arsenale e sulla Base Navale della Spezia Luca Comiti, segretario generale della Cgil, Mario Ghini, Segretario generale Uil, Daniele Lombardo, Segretario Fp Cgil e Cari Rossi, Segretario Uil Pa,

E ci tornano per ripetere un mantra che martellante da mesi: “Per la base navale spezzina serve un piano di rilancio organico e coerente, basta interventi una tantum.  L’Arsenale è un patrimonio della Marina Militare e della città e va valorizzato; le aree necessarie alla Marina vanno ristrutturate e quelle che non servono si possono restituire alla città per attività produttive e civili”.

E spiegano per l’ennesima volta che “attualmente in Arsenale lavorano meno di 500 persone su un organico teorico di 875 per cui è necessario un piano di investimenti e di assunzioni straordinario, non bastano di certo gli ultimi bandi di concorso usciti a metà luglio. Come non bastano le promesse elettorali. Dobbiamo salvaguardare un know how di professionalità storico rilanciando percorsi formativi per creare occupazione di qualità.”

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi