Ultimi Articoli

Per il potenziamento della “Tirrenica” (Liguria-Toscana-Lazio) sono previsti investimenti per 200 milioni di euro

Tempo di lettura: 2 minuti

Roma – Ammontano a 32 miliardi di euro gli investimenti sono previsti nel disegno di legge di bilancio 2022-24 per potenziare e modernizzare le infrastrutture e la mobilità  sostenibili.

Al trasporto ferroviario andranno 16 miliardi e 9 miliardi al miglioramento delle infrastrutture stradali,  7 miliardi a interventi per la mobilità sostenibile e 1 miliardo ad altre finalità.

A questi si aggiunge un incremento strutturale per il fondo trasporto pubblico locale (1,3 miliardi in 5 anni) per migliorare i servizi per i pendolari. È poi previsto un rifinanziamento per 100 milioni del fondo adeguamento prezzi per fronteggiare i forti rincari dei prezzi delle materie prime nelle costruzioni di opere pubbliche.

Ha spiegato il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini: “La maggior parte delle risorse assegnate al Mims in conto capitale è destinata a investimenti per migliorare la sicurezza, la sostenibilità e la resilienza di strade, ferrovie e strutture idriche, per favorire la mobilità nei grandi centri urbani e per colmare alcuni ritardi storici della rete nazionale dei trasporti. I nuovi progetti si pongono in continuità con il Pnrr, garantendo una solida prospettiva di sviluppo degli investimenti pubblici in infrastrutture e mobilità sostenibile anche oltre il 2026 e assicurando i finanziamenti necessari a realizzare le opere commissariate nel corso di quest’anno”.

E’ previsto, per completezza, anche il Fondo, con una dotazione di 2 miliardi, per l’attuazione della strategia europea ‘Fit for 55’ (Commissione europea) per ridurre le emissioni di gas di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990. Il Fondo è destinato al rinnovo del parco autobus del trasporto pubblico locale, all’acquisto di treni a idrogeno sulle linee ferroviarie non elettrificate, la realizzazione di ciclovie urbane e turistiche, lo sviluppo del trasporto intermodale su ferro, l’adozione di carburanti alternativi per l’alimentazione di navi e aerei e il rinnovo dei mezzi per l’autotrasporto.

Tra l’altro per il potenziamento della “Tirrenica” sono previsti investimenti per 200 milioni di euro e altrettanti sono destinati a contribuire alla realizzazione dell’autostrada Cispadana.

Altre risorse sono stanziate per tre contratti di programma: due con Rete Ferroviaria Italiana per complessivi 10,8 miliardi di euro finalizzati al miglioramento della rete ferroviaria (circa 5,7 per la parte investimenti e 5,1 miliardi per la parte servizi) e uno con l’Anas per 4,5 miliardi.

(Fonte Euromerci)

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi