Piero Neri: “I porti di Carrara, Livorno, Piombino, Portoferraio strategici per lo sviluppo locale, regionale e nazionale”

Tempo di lettura: < 1 minuto

Massa Carrara – Piero Neri, presidente di ’Confindustria Livorno e Massa Carrara, è stato designato all’unanimità dall’assemblea delle aziende del settore presidente della sezione Portualità Logistica.

Queste la sue dichiarazioni subito dopo l’elezione: “Confindustria Livorno e Massa Carrara è impegnata nel progetto per la reindustrializzazione della costa toscana e l’industria manifatturiera, ad alta intensità di manodopera, presente sul territorio costiero – dalla nautica all’acciaio, dalla chimica al lapideo, dall’oil & gas all’automotive, insieme alla intermodalità in tutte le sue articolazioni, rappresenta un sistema articolato e diversificato, non facilmente rintracciabile nel sistema Paese. Il percorso per la reindustrializzazione non è in discesa, in quanto restano da completare le grandi infrastrutture, tra le quali la Darsena Europa, il Corridoio Tirrenico, i collegamenti ferroviari dalla Costa verso l’area metropolitana fiorentina, tenendo presente una storica carenza di dotazione impiantistica per il trattamento dei rifiuti speciali adeguata ad un Paese moderno”.

“Siamo convinti che la manifattura e l’industria logistica debbano convergere in strategie unitarie ed in progetti comuni verso il decisore pubblico, per accrescere la capacità competitiva del nostro sistema produttivo, con l’obiettivo di favorire progetti di reshoring e di intercettare le direttrici di traffico delle merci da e per l’area metropolitana della nostra Regione”.

“I porti di Carrara, di Livorno, di Piombino, di Portoferraio – ha concluso – rappresentano importanti asset strategici per lo sviluppo locale, regionale e nazionale. Per assicurare continuità e competitività, al sistema produttivo del territorio, occorre che agiscano tutti con fattiva responsabilità. Da parte nostra confermiamo la ferma volontà e determinazione per contribuire alle sfide rese oggi ancora più impegnative per la crisi energetica”.

Condividi :

Altri Articoli :

Iscriviti alla nostra newsletter