Ultimi Articoli

Ponte Morandi, la Class action contro la Società Autostrade per l’Italia chiede 3mila euro per ogni ligure

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Genova – “Tremila euro a ogni cittadino ligure per i danni subiti da Autostrade per l’Italia a seguito del crollo di Ponte Morandi”.

È la richiesta formulata nella class action contro la società Autostrade per l’Italia (Aspi) lanciata la scorsa estate e depositata ufficialmente oggi dai consiglieri regionali della Lista Sansa, Ferruccio Sansa e Roberto Centi.

L’azione legale, seguita dall’avvocato genovese Mattia Crucioli, ha visto in questi mesi la richiesta di pre-adesione da circa 6.000 cittadini liguri.

“Oggi abbiamo depositato presso il Tribunale di Roma l’istanza che dà il via libera definitivo alla class action dei liguri contro Autostrade – spiega Ferruccio Sansa – Sarà la più grande class action della storia d’Italia, l’unica aperta a tutti gli abitanti di una regione, senza alcuna distinzione, da Ventimiglia a Sarzana tutti possono aderire, anche i minorenni (con la firma dei genitori)”.

“All’inizio della nostra avventura avevamo ipotizzato un danno di 1.000 euro per ciascuno di noi.  Abbiamo lavorato un anno e alla fine ci siamo resi conto, in base a studi e analisi, che il danno effettivo arriva a 2.954 euro”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi