Ultimi Articoli

Proposte aggiornate dell’Organizzazione marittima mondiale per sostenere le economie in via di sviluppo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 3 minuti

Londra – I rappresentanti dell’industria marittima globale, supportati dai governi, hanno presentato all’IMO (International Maritime Organization) proposte aggiornate per la pianificazione di un fondo globale per la ricerca e lo sviluppo che possa sostenere le economie in via di sviluppo.

Tali proposte mirano a delineare il previsto Fondo per la ricerca marittima dell’IMO da 5 miliardi di dollari (IMRF-IMO Maritime Research Fund), che accelererà lo sviluppo di tecnologie e combustibili a zero emissioni di carbonio, e che potrebbe essere utilizzato anche per sostenere gli sforzi di decarbonizzazione marittima di
paesi in via di sviluppo.

Guidata dall’International Chamber of Shipping e da altre otto associazioni marittime internazionali che rappresentano collettivamente la flotta mercantile globale, la proposta modificata prevede di destinare circa il 10% del Fondo a progetti di riduzione dei gas serra (GHG) nei paesi in via di sviluppo, compresi i piccoli stati insulari climaticamente vulnerabili .
Le proposte aggiornate rispondono alle domande sollevate dai PVS in merito alla garanzia dell’accesso al denaro raccolto dal fondo per la ricerca e lo sviluppo.
L’IMRF mira a raccogliere 5 miliardi di dollari attraverso un prelievo di 2 dollari per tonnellata di carburante marittimo consumato, che sarà pagato interamente dall’industria senza alcun costo per i governi.
La presentazione all’IMO si basa sulla proposta globale avanzata l’anno scorso dall’industria marittima, in collaborazione con le principali nazioni marittime come Danimarca, Grecia, Giappone e Singapore, e che ora gode del sostegno di 30 Stati membri dell’IMO. I co-sponsor dell’ultima proposta includono Liberia, Nigeria e
Palau.
Simon Bennett, vice segretario generale della International Chamber of Shipping, ha commentato: “I paesi in via di sviluppo stanno vivendo il peggio della crisi climatica. L’industria desidera stanziare circa 50 milioni di dollari all’anno per sostenere progetti di riduzione dei gas serra nei paesi in via di sviluppo e vulnerabili
dal punto di vista climatico, compresi i piccoli Stati insulari in via di sviluppo. Si tratterebbe di un investimento significativo e di un importante impulso ai
programmi esistenti dell’IMO per garantire che la transizione globale allo zero netto sia equa ed equa”.
L’industria ha anche invitato quei governi che finora hanno cercato di ritardare l’approvazione immediata dell’IMRF a riconsiderare la loro posizione al prossimo round di discussioni dell’IMO a maggio.
Bennett ha proseguito: “Siamo preoccupati che la Commissione europea possa voler ritardare l’IMRF combinandolo con discussioni separate sul prezzo del carbonio. Sebbene desideriamo anche una misura IMO basata sul mercato il prima possibile, probabilmente ci vorranno diversi anni per negoziare. Nel frattempo, la necessità di accelerare drasticamente la ricerca e lo sviluppo sta diventando sempre più urgente se si vuole che un obiettivo zero netto entro il 2050
sia plausibile”.
Altri elementi nella proposta rivista includono l’incoraggiamento al finanziamento di progetti congiunti di ricerca e sviluppo tra paesi sviluppati e in via di sviluppo, una formula per il cofinanziamento di progetti per garantire un trattamento differenziato per le aziende e le istituzioni nei paesi in via di sviluppo e nuove disposizioni per placare le preoccupazioni sollevate dai governi in materia di diritti di proprietà.
L’anno scorso, ICS (International Chamber of Shipping)  ha annunciato la formazione della task force per la transizione giusta alla COP26, per proteggere i lavoratori e le loro comunità attraverso la
transizione al green shipping. Fornisce raccomandazioni politiche per garantire una transizione equa e incentrata sulle persone, concentrandosi in particolare
sulle economie in via di sviluppo.
Bennett ha concluso: “L’IMRF è l’unica proposta pronta per accelerare la decarbonizzazione in tutto il settore. L’opposizione alla sua adozione non solo vanificherà la rapida accelerazione della ricerca e sviluppo necessaria per supportare l’obiettivo zero netto dello shipping per il 2050, ma impedirà anche una transizione equa ed equa”.

Fonte: Agenda Confitarma

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi