Ultimi Articoli

Si cercano alternative, lungo l’itinerario terrestre della Via della seta, al treno per container tra i due continenti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Trieste – Un incontro per trovare alternative al collegamento via treno fra la Cina e il porto fluviale di Duisburg si è tenuto tra i rappresentanti di Nunner (società di logistica olandese), i partner cinesi di Tiedada e Duisport che detiene il 15% di Interporto Trieste.

Lo scopo era di valutare possibili alternative – lungo l’itinerario terrestre della Via della seta – al treno per container che unisce i due continenti.
A darne notizia è il giornale specializzato Adriaports da quale è emerso che l’ipotesi sulla quale si sta lavorando prevede il già noto “middle corridor”, ma con l’interruzione della via terrestre per creare un tratto via mare e poi concludere il viaggio ancora via ferrovia. La nuova rotta meridionale ipotizza di attraversare il Kazakistan, poi il Mar Caspio, l’Azerbaigian, la Georgia e la Turchia fino a Istanbul. Da Istanbul l’itinerario via mare arriverebbe a Trieste, da dove i container sarebbero nuovamente caricati sul treno per raggiungere Duisburg.
Da Duisport – contattati da Adriaports – confermano che alcuni clienti stanno cercando di interrompere momentaneamente le spedizioni via terra attraverso la Russia, trasferendo i carichi via mare. Per questo si stanno cercando percorsi alternativi in collaborazione con gli stessi clienti e altri vettori.

“A questo scopo, siamo anche in contatto con i nostri partner in Cina. Tuttavia, non è ancora possibile fare una valutazione affidabile degli sviluppi futuri”.

Ad oggi, quindi, i treni che arrivano dalla Cina a Duisburg lungo la Nuova Via della Seta continuano a percorre il tragitto attraverso Russia e Bielorussia, secondo quanto programmato.
Osserva ancora Adriaports che “la crisi provocata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha fatto tornate in auge anche l’ipotesi delCorridoio meridionale, sempre lungo la Nuova via della Seta. Ma in questo caso i treni dovrebbero però attraversare l’Iran, ancora sottoposto a sanzioni da parte degli Usa. Sanzioni che pareva potessero essere tolte ma che l’improvvisa opposizione della Russia (i suoi rappresentanti alle trattative in corso hanno chiesto maggiori garanzie per i traffici commerciali) hanno di fatto confermato.
In entrambi i casi si tratta di soluzioni costose (in special modo per le rotture del carico da treno a nave) e quindi destinate a merci di alto valore o con necessità di transit time sensibilmente più brevi rispetto alla nave. In entrambi i casi, però, si tratta anche di soluzioni che riporterebbero Trieste ad un ruolo di centralità sfruttabile grazie alle connessioni ferroviarie delle quali dispone il porto.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi