Si sperimenta la Mobility Card alle Cinque Terre per l’uso integrato di battello-treno-bus-rete escursionistica

Tempo di lettura: 2 minuti

CINQUE TERRE – Parte la sperimentazione della Mobility Card Battello per l’uso integrato di tutti i servizi di mobilità pubblica nel Parco nazionale delle Cinque Terre: treno, rete escursionistica e bus di collegamento interno.

La nuova tipologia di carta servizi, completa del trasporto in battello, è una delle iniziative della collaborazione tra Ente Parco e Consorzio Marittimo Turistico Cinque Terre Golfo dei Poeti, con l’obiettivo di migliorare le prestazioni ambientali, degli impatti  sull’ambiente marino e nella gestione dei flussi turistici, facilitando gli spostamenti, via terra e via mare con l’utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblico o di viabilità a basso impatto e offrendo così ai visitatori l’opportunità di costruire a piacimento il proprio itinerario giornaliero nel Parco.

La sperimentazione di questa nuova card durerà per tutta la stagione estiva e sarà venduta solo online al costo di 50 euro. In questa fase saranno solo 200 le card disponibili al giorno, un numero che consentirà di valutare il gradimento del pubblico e gli effetti sulla distribuzione dei visitatori.

“La nuova card integrata con il servizio battello esalta le peculiarità del nostro Parco, il suo essere un incontro tra terra e mare in sviluppo verticale – spiega la presidente del Parco, Donatella Bianchi – e l’opportunità di organizzare il proprio itinerario, combinando il camminare con la navigazione o del trasporto su rotaia o via bus, è già di sé un’attrazione che restituisce al visitatore una visione più ampia e tridimensionale del paesaggio”.

“Siamo lieti di aver raggiunto un accordo con il Parco Nazionale delle Cinque Terre – conferma il presidente del Consorzio Marittimo, Rudy Biassoli – per la realizzazione di un’unica Card che seppur al momento venduta in numero limitato possa essere un test bench per i turisti e per noi operatori che ci vediamo pronti a collaborare ancora più strettamente con il Parco Nazionale delle Cinque Terre, ma al contempo vogliamo analizzare i dati al fine di garantire la sostenibilità del progetto.”

Condividi :

Altri Articoli :

Iscriviti alla nostra newsletter