Ultimi Articoli

Sono 500 i marittimi sulle 109 navi bloccate in Ucraina e 1.500 evacuati in sicurezza

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Londra – Sono cinquecento i marittimi che rimangono ancora bloccati a bordo di 109 navi nei porti dell’Ucraina.

Sono i componenti di equipaggi lasciati a bordo delle navi per consentire l’evacuazione dei compagni durante il conflitto con la Russia, marittimi che dovrebbero comunque anch’essi uscire dalla zona della guerra in sicurezza

E l’International Chamber of Shipping (ICS) è tornata a chiedere che anche “i marittimi rimasti dovrebbero poter uscire in sicurezza”.

Il bilancio al momento è come si ricorderà di due marittimi uccisi e sei navi mercantili colpite, due delle quali affondate, davanti alla costa ucraina dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. 

Secondo i dati raccolti dall’ICS in collaborazione con l’agenzia marittima delle Nazioni Unite, l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) in sei settimane sono 1.500 i marinai del mercantili evacuati in sicurezza attraverso corridoi umanitari sia via terra sia via mare.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi