Ultimi Articoli

Sta per entrare in azione Manta la barca che non solo raccoglie la plastica negli oceani ma li trasforma

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

Bergen – Bureau Veritas ha approvato in linea di principio (AiP) un’innovativa imbarcazione a vela progettata non solo per raccogliere i rifiuti di inquinamento da plastica galleggiante dell’oceano, ma per elaborarli.

E’ un’altra importante tappa di Manta, la barca lunga 56 metri, larga 26 e alta 62, realizzata sul progetto sviluppato da Manta Innovation, l’ufficio di progettazione ingegneristica della ONG SeaCleaners, con il supporto degli architetti navali Ship-ST e della filiale di Sembcorp Marine di Bergen, LMG Marin COME.

Dell’idea di costruire Manta si parla da tempo. da quando, stanco di colpire oggetti galleggianti durante le sue gare e di vedere luoghi paradisiaci trasformarsi in discariche, il francese, Yvan Bourgnon, veterano skipper di yacht che è detentore di diversi record mondiali di vela, ha deciso di combattere questo flagello globale. Tenuto conto che finiscono nell’oceano ogni anno 8 milioni di tonnellate di plastica.

Ora che Manta è vicina ad entrare in funzione raccontiamola dicendo intanto che sarà alimentata da una combinazione di tecnologie di energia rinnovabile per ridurre al minimo la sua impronta di carbonio e raggiungere dal 50 al 75% di autonomia energetica. E che servirà anche come laboratorio scientifico per l’osservazione, l’analisi e la comprensione dell’inquinamento da plastica negli oceani e come piattaforma educativa aperta al pubblico.

Bureau Veritas ha riesaminato la struttura generale, i piani di stabilità e sicurezza della Manta, sulla base della mitigazione del rischio in relazione alle nuove tecnologie e requisiti.

“L’inquinamento marino da plastica è un disastro ecologico globale che richiede un’azione urgente ora sia a terra che in mare”, afferma. “Siamo grati che Manta abbia ricevuto l’AiP da Bureau Veritas Marine & Offshore. Questo rappresenta per noi una pietra miliare importante e dimostra la solidità del nostro approccio per affrontare l’inquinamento da plastica. Ora stiamo per entrare in una nuova fase di sviluppo con l’imminente lancio della gara d’appalto per i cantieri navali. Più di 45.000 ore di studio e sviluppo, che hanno coinvolto oltre 60 ingegneri, tecnici e ricercatori, hanno portato a questa approvazione”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi