Ultimi Articoli

Subito trasferito dalla Polonia all’Ucraina il carico Caritas di aiuti spezzini inviati nella prima spedizione

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – WIDNA GORA (Polonia) – Gli aiuti spezzini sono già in distribuzione al confine tra Ucraina e Polonia. Il grande tir messo a disposizione dalla società di trasporto Laghezza, dopo sedici ore di viaggio, è arrivato venerdì scorso nella cittadina di Widna Gora, accolto dai volontari della rete delle parrocchie polacche.

Che è la rete che interagisce la Caritas spezzina in collegamento con un sacerdote polacco presente a Genova. I volontari hanno subito iniziato a distribuire il carico di aiuti, trasferendoli attraverso i servizi logistici della Caritas ucraina nel territorio colpito direttamente dalla guerra.

n tutto, con questo primo viaggio, la generosità degli spezzini ha fatto giungere a Widna Gora tre tonnellate di merci. Il tir, allestito con il coordinamento del vice presidente della ditta Laghezza Massimo Frolla, è stato predisposto dai volontari e dalle volontarie che hanno operato presso il servizio “logistica” della Caritas diocesana, diretto da Matteo Bernardini a Vincinella di Santo Stefano Magra che, come è noto, è anche uno dei tre punti di raccolta degli aiuti attivati in diocesi. Gli altri sono i centri di ascolto Caritas in via Don Minzoni 43 alla Spezia e in via Mazzini (Episcopio) a Sarzana.

Per questa prima spedizione sono state caricati merci che avevano riempito ventiquattro pancali di generi alimentari a lunga conservazione, tre pancali di prodotti sanitari e tre di prodotti per l’infanzia, oltre a indumenti vari e ad attrezzi utili per la vita di tutti i giorni anche in situazioni di emergenza. A bordo erano l’autista della ditta Laghezza e un’interprete ucraina. Al seguito, anche due pullmini che potranno essere utilizzati, al rientro in Italia, anche per il trasporto di nuclei familiari alla ricerca di alloggi.

L’invio di questa prima “spedizione”, com’è ovvio, non esaurisce l’impegno dell’organizzazione diocesana diretta da don Luca Palei. La guerra e le sue conseguenze, purtroppo, sembrano prospettare in Ucraina un lungo periodo di difficoltà. Per questo la raccolta di aiuti continua, nelle tre sedi indicate, e del resto gli atti di generosità sono tanti, per cui si pensa che un nuovo tir possa partire già nei prossimi giorni.

Sul fronte dei rifugiati e richiedenti asilo sono già una sessantina quelli seguiti da Caritas, su un totale di centodieci censiti dalla prefettura della Spezia. Intanto, su invito del vescovo, continuano nelle parrocchie le veglie di preghiera e l’Adorazione eucaristica per la pace in quel martoriato paese. Venerdì sera monsignor Palletti ha presieduto in cattedrale alla Spezia una veglia diocesana, trasmessa in diretta da Tele Liguria Sud. La veglia ha avuto come tema conduttore delle preghiere e delle riflessioni “Diventiamo nella nostra vita artigiani di pace”. Alla veglia ha partecipato anche il cappellano della comunità ucraina don Volodymyr Lyupak.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi