Ultimi Articoli

The Italian Sea Group di Marina di Carrara: prosegue il rilancio dei cantieri Perini Navi di Viareggio e della Spezia

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

MARINA DI CARRARA – LA SPEZIA – VIAREGGIO – Abbiamo assistito alla ripresa dell’attività dei due cantieri di Perini Navi subito dopo che la società era stata rilevata dal tribunale fallimentare di Lucca da The Italian Sea Group di Marina di Carrara.

Il primo segnale è stata la posa della bandiera del Gruppo all’ingresso dei due cantieri navali, quello di Viareggio e quello della Spezia, che si affaccia al pari degli altri prestigiosi marchi internazionali della nautica di alta gamma sul Viale San Bartolomeo, ribattezzato, proprio per questo, Miglio Blu.

Ebbene The Italian Sea Group conferma il proseguimento del rilancio dei Cantieri Perini Navi con il consolidamento della ripresa operativa dei siti produttivi di Viareggio e della Spezia, effettivamente avvenuta, come detto e come già scritto su questo nostro giornale, in tempi record.

Il nuovo piano di produzione Perini Navi prevede ora la costruzione di tre navi per le quali è prevista la consegna tra due anni, entro cioè il 2024.

I Cantieri di Viareggio continueranno ad essere dedicati alla realizzazione delle navi a vela fino a 60 metri, mentre le dimensioni superiori saranno realizzate alla  Spezia e a Marina di Carrara. Come si vede prosegue dunque anche l’integrazione nella diversificazione dei tre cantieri.

Entrando nel dettaglio il Gruppo rileva che il piano di produzione Perini Navi ha già in previsione la consegna di un ketch (un due alberi a vela) di 60 metri con consegna a fine 2023, uno sloop (anch’esso una barca a vela con un solo albero) di 47 metri con consegna nel primo semestre 2024 e un ketch di 56 metri con consegna a fine 2024.

Precisa la nota che il nuovo sloop in alluminio è il primo yacht a vela Perini Navi by The Italian Sea Group che mostra l’evoluzione nello stile e nel design grazie al Centro Stile del gruppo e che tra le innovazioni, l’adozione del carbonio non solo per l’imponente albero di 62,5 metri e il boma, ma anche per le diagonali, le rifiniture e gli accessori di coperta, timoni gemelli per consentire una migliore manovrabilità in ogni condizione e andatura.

Nella foto l’ingresso del Cantiere Perini Navi che si affaccia sul Golfo della Spezia

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi