Ultimi Articoli

Trasportounito ha chiesto al Governo di eliminare la distorsione comunitaria sul recupero in Italia delle accise

Tempo di lettura: < 1 minuto

Roma – Trasportounito ha chiesto con una nota al ministro Salvini e al vice Ministro Rixi, di annullare il gap comunitario generato dal 22 marzo, cioè dal momento in cui, riducendo una parte centesimale delle accise sul carburante, è stato impedito alle imprese di recuperare una parte della tassazione sul diesel.

Questa – è stato rilevato – è una pratica consentita dall’Unione Europea sin dal 1 gennaio 2004, e che si concretizza con il recupero di una quota del valore delle accise.

Il presidente Nazionale Franco Pensiero: “Si è generata così una distorsione comunitaria: alle imprese di autotrasporto italiane è stato ingiustamente impedito l’uso commerciale del carburante diesel, il cosiddetto gasolio professionale, mentre negli altri Paesi le imprese hanno continuato a beneficiarne nonostante gli interventi similari e generalizzati sulla riduzione alla fonte delle tasse sui carburanti”.

“Il ripristino dello strumento comunitario della tassazione sul gasolio – ha concluso – sarebbee un segnale fondamentale per le imprese di autotrasporto che, anche a causa di questa distorsione, hanno raggiunto un livello di indebitamento medio ad alto rischio”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi