Ultimi Articoli

A quasi 500 giorni dal cedimento, arrivato il nulla osta per rimuovere il ponte di Pagliari, subito posizionata la maxi gru

Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – La maxi gru è stata posizionata accanto ad un’altra gru semovente per cui si attende solo il via per iniziare la rimozione del ponte levatoio della darsena di Pagliari.

Allo scoccare ad ormai di ben 550 giorni dal cedimento del ponte, avvenuto il 12 maggio del 2021,  si potrà vedere rimosso il manufatto crollato su se stesso che ha bloccato da allora e tenuta interrotta la strada panoramica Lerici-La Spezia e l’operatività delle imprese della nautica della Darsena Pagliari.

Il progetto di rimozione era peraltro stato elaborato da tempo dall’Autorità di sistema portuale, per cui appena arrivato il nulla osta è scattata l’attesissima operazione rimasta bloccata non per questioni tecniche (o di altro genere) ma esclusivamente dalle dinamiche dello scaricabarile tra i periti della legione di indagati che si è via via infoltita fino, visto dall’esterno, all’inverosimile anche se messe a confronto, contestualizzandoli, con ben altri crolli di ponti (Genova, Albiano), con ben altre conseguenze, ben altre indagini e con ben altre ricostruzioni (già avvenute).

Qui al momento le vittime sono gli operatori delle imprese della nautica della Darsena che dal 12 maggio di due anni fa hanno visto il precipitarsi dei fatturati e contemporaneamente il lievitarsi delle spese per trasferire via terra le imbarcazioni – come abbiamo via via documentato  – con altezza superiore a quella tra il livello del mare e il bordo inferiore del ponte.

Questo nonostante che fin dal 12 maggio 2021, l’Authority aveva assicurato che gli uffici stavano già progettando lo spostamento in sicurezza della struttura, in linea – ovviamente – con le tempistiche dettate dalle decisioni degli organi inquirenti che hanno sequestrato il ponte.

Già quando si sperava di non perdere almeno la seconda estate il Presidente Mario Sommariva rispondendo a una nostra domanda aveva detto: noi siamo pronti, appena arriva l’ordine di dissequestro.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi