Ultimi Articoli

Le acciughe che … pagano un ‘dazio’ ittico davanti alle Cinque Terre

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LE GRAZIE – Ha suscitato un interesse diffuso, che va oltre l’aspetto culinario, secondo le attese la mostra sulla pesca a delle acciughe alle Grazie che rientra negli appuntamenti dell’estate di Portovenere.

Crediamo che sia interessante parlarne nel continuare la nostra esplorazione nell’ambito della conoscenza e della cultura del mare riprendendo quanto hanno scritto Corrado Ricci e Jole Rosa nel presentare l’iniziativa al Cantiere della Memoria alle Grazie.

“Il mare ribolle d’argento attorno alle lampare. Le potenti luci hanno fatto la loro parte per attirare i branchi di acciughe, nel cuore della notte. La maggior parte della gente dorme sotto le lenzuola. I pescatori sono invece nel pieno del duro lavoro. Il tesoro inseguito, intercettato e catturato è lì, sotto le stelle e i loro volti bruciati dal sale e dal sole. Vibra, scintilla, saetta in un carosello angoscioso, alla ricerca di una via di fuga. Il sacco che contiene il pesce azzurro sale lento e inesorabile sul peschereccio togliendo forza e respiro alle prede finite nell’abbraccio letale della rete a circuizione. Oggi come mille anni fa, secondo un rituale intriso di sapienza marinara, orgoglio e sudore.

Il dilemma – tutela della specie marina o salvaguardia del lavoro degli uomini? – si scioglie nella ricomposizione della storia che si fa fattore identitario e dimostrazione dell’equilibrio ambientale: questo, alla fine della cattura, non resta scalfito.

Le acciughe pagano un ‘dazio’ ittico davanti alle Cinque Terre. La pesca avviene in un momento particolare della loro vita, quello della riproduzione. A milioni nasceranno dalle uova rilasciate in mare, al largo della costa. Ogni femmina durante la risalita primaverile dalle grandi profondità – attorno ai 200 metri – ne porta in grembo 40mila. Tante acciughe non faranno più ritorno negli abissi. Le loro carni prelibate finiranno fresche sui mercati e poi sulle tavole dei buongustai o nelle arbanelle dove, insieme al sale, matureranno il sapore destinato a dare piacere al palato tutto l’anno.

Così l’epilogo delle fatiche dei pescatori che ancora continuano a prendere il largo e a restare fedeli alla tradizione, nonostante i magri guadagni e le incertezze della professione. Ogni anno, per quattro mesi, nelle notti più buie, col mare clemente, si compie il rito della pesca alle acciughe.

Lo raccontano gli scatti di Roberto Celi e Tiziana Pieri nella mostra allestita, come detto, al Cantiere della Memoria in occasione della salagione delle acciughe promossa dalla Pro Loco delle Grazie.

Fonte foto: Salagione all’perto alle Grazie Cittàdellaspezia

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi