Ultimi Articoli

Cna Costruzioni La Spezia su mancanza di impianti per la gestione dei rifiuti di materiali edili: una criticità non recente ma che si è acuita con bonus e superbonus  

Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – Cna Costruzioni La Spezia solleva la problematica della mancanza, o meglio dell’insufficienza, di impianti di gestione dei rifiuti di materiali edili sul territorio spezzino: una criticità non certo recente ma che si è acuita da quando il settore ha ripreso a girare a pieno ritmo grazie a bonus e superbonus.

Così non è infrequente – anzi possiamo dire che ormai è quotidiano – vedere centinaia di mezzi delle imprese fermi davanti ai pochi impianti che riescono ancora a ricevere materiale. Alla Spezia e nelle immediate vicinanze non ci sono siti di questo tipo e così, ogni volta, gli operatori sono costretti a fare file lunghissime e a spostarsi in comuni limitrofi, quasi sempre a decine di chilometri di distanza, nella Val di Vara e nella Val di Magra.

Un problema irrisolto da tempo anche perché i siti per la gestione dei rifiuti, di qualsiasi tipo essi siano, evocano la gestione dello scarto a prescindere sia della comunità che è chiamata a conviverci sia degli Enti che dovrebbero autorizzarne il deposito, senza considerare che le normative nazionali, soggette spesso a cambiamenti, non aiutano.

Il risultato, tuttavia, non è un miglioramento in positivo: le imprese che devono conferire il materiale hanno un aggravio notevole dei costi; le realtà che gestiscono questi siti non riescono a far fronte alle tante richieste e devono gestire anche con interruzioni obbligate questi flussi, e la cosa paradossale è che a rimetterci è proprio l’ambiente.

Basta pensare ai tanti camion che tutti i giorni partono dai cantieri edili spezzini e percorrono chilometri e del rischio di accumuli in aree di magazzino in attesa di poter procedere al conferimento. Eppure, ci sono imprenditori che già gestiscono siti, o magari potrebbero gestirli, disponibili ad investire in nuove aree. Per questo chiediamo che l’amministrazione spezzina si faccia carico di individuare aree idonee, dato che proprio nel capoluogo provinciale la problematica è più forte vista la mancanza di siti e la più marcata ripresa del settore proprie per le dimensioni cittadine.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi