Ultimi Articoli

Recupero dell’ex Batteria Valdilocchi-Forte Pagliari da dove si gode un panorama sulla bellezza del Golfo della Spezia

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 3 minuti

LA SPEZIA – Proseguono i Lavori per il recupero e la valorizzazione della batteria Valdilocchi, che, iniziati il 15 Marzo 2022, restituiranno alla città una frammento importante della sua storia e del suo patrimonio architettonico e paesaggistico entro l’estate.

Questa mattina il sindaco Pierluigi  Peracchini ha fatto un sopralluogo per verificare lo stato avanzamento lavori del cantiere  per il recupero architettonico e la messa in sicurezza dell’ex batteria Valdilocchi – Forte Pagliari. Stiamo cercando di valorizzare i luoghi storici che hanno dentro l’anima della Città – ha commentato – e questo è uno di quelli. La Batteria Valdilocchi è un luogo affascinante sia per la posizione geografica, sia per l’interesse storico. Recuperare questo luogo significa anche mettere a disposizione dei cittadini e dei turisti un luogo da vivere con uno sguardo verso la nostra storia e la nostra identità. Il progetto La Spezia Forte è iniziato con la riqualificazione del Parco delle Mura, con il recupero del Parco della Rimembranza e ora sta proseguendo con il Museo della Guerra Fredda al Polo Marconi e con il recupero del rifugio antiaereo di scalinata Quintino Sella e tante altre opere. Un ringraziamento all’Assessore Piaggi, agli uffici, a tutto il team e alle Associazioni che hanno creduto sin da subito nel progetto “La Spezia Forte”

Un lavoro appassionante, fatto di continue scoperte quello che il team dei progettisti (l’architetto Marinaro e gli ingegneri Balbi, Vergassola, Ferrari, Rinaldi,  Garibaldi) e dell’impresa stanno conducendo sul colle Valdilocchi. La batteria sotto le macerie che la occupavano e ne impedivano l’accesso ha conservato gran parte del suo originario assetto, e ogni su parte, anche quelle interamente distrutte dalle mine dei tedeschi in ritirata del 1945, verrà tutelata e conservata in loco, dandogli nuova vita e nuovo significato.

 Oltre all’architettura, il progetto mira a conferire nuovi usi all’intero colle, con la previsione di una infrastrutturazione leggera che potrà consentire altri possibili interventi, nuove presenze stabili, essenziali per la cura dei luoghi, e nuovi usi di stampo culturale, turistico. La vista panoramica che si apre dalla sommità di questo colle ci ricorda la bellezza di un golfo e l’unicità di un paesaggio che non dobbiamo smettere di comprendere e valorizzare, poiché la tutela passa innanzitutto dalla conoscenza e attivamente dalla capacità di operare trasformazioni sostenibili e collettivamente sentite.

 

Questi gli scopi del progetto: tutelare il bene architettonico, preservandone l’integrità e la consistenza, scongiurando ulteriori crolli e arrestando il processo di degrado cui è stato sottoposto dall’epoca del suo abbandono; valorizzare il bene culturale promuovendone la conoscenza e conferendogli nuovi usi compatibili, adeguati ovvero alla sua tutela attiva e funzionali a rendere attrattivo tutto il contesto del colle di Valdilocchi per usi culturali e turistici;  consentire la fruibilità pubblica del bene, in considerazione del fatto che esso è un bene comune e, oltre ad essere un bene architettonico tutelato, esso è parte integrante di un patrimonio paesaggistico tangibile ed intangibile di straordinario valore e significato per l’identità storica e culturale del Golfo della Spezia; contribuire al recupero, valorizzazione e messa a sistema del patrimonio delle fortificazioni del Golfo della Spezia per rilanciarlo anche sul piano dell’offerta turistica e culturale; conservare la specificità degli aspetti paesaggistici ed ambientali dei luoghi; assicurare l’accessibilità del bene nei periodi atti alla sua apertura al pubblico e proteggerlo da intrusioni e usi illeciti; riqualificare le strutture esistenti sulle quali è possibile intervenire a meno di una integrale ricostruzione delle parti interamente distrutte.

Questo progetto si inserisce in un contesto più ampio volto a contribuire al recupero, valorizzazione e messa a sistema del patrimonio  delle fortificazioni del Golfo della Spezia interconnesso con il tracciato del Parco delle Mura che crea  un percorso che parte dalla Cattedrale e arriva al riqualificato Parco della Rimembranza. L’importo dei lavori è di 500mila euro.

Nella foto la visita all’interno della Batteria Valdilocchi-Forte di Pagliari in via di recupero

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi