Ultimi Articoli

Congestione nelle catene di approvvigionamento e alte tariffe fanno volare i profitti della danese Maersk

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: < 1 minuto

Copenaghen – Nel secondo trimestre i ricavi del gruppo danese Maersk sono ammontati a 21,7 miliardi di dollari e l’ebitda ha raggiunto i 10,3 miliardi.  I profitti operativi sono più che raddoppiati a 8,9 miliardi di dollari.

E’ il risultato, come si sa, di una situazione di mercato straordinaria che, a causa della congestione nelle catene di approvvigionamento globali, ha portato non solo a tariffe di trasporto più elevate ma anche per il fatto che essa è proseguita più a lungo di quanto si era previsto.

Per questo Maersk annuncia anche una revisione al rialzo della guidance per il 2022 con un ebitda atteso a quota 37 miliardi di dollari (da 30 miliardi della stima precendente) e l’ebit atteso a 31 miliardi (da 24 miliardi).

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi