Ultimi Articoli

L’affascinante spettacolo a San Terenzo delle prove di Coppa Italia della vela classe 420

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

SAN TERENZO – Il benvenuto affidato allo sventolio di novanta bandiere su tutti gli esercizi del lungomare, il villaggio della vela sotto il castello, la bandiera della classe 420 sul pennone più alto della torre, una spiaggia dorata baciata dal sole primaverile e un maestrale che si è alzato puntuale a ricordare l’ora del pranzo.

Così San Terenzo ha dato il benvenuto ai ragazzi e alle ragazze che “da Trieste in giù …” sono venuti a fare le prove nel Golfo della Spezia per la prima tappa della Coppa Italia 420 in programma proprio a San Terenzo nella prossima settimana, dal 17 al 20 marzo.

Coppa che è preceduta appunto dall’interzonale aperto ai team del nord e del centro Italia e disputata in questo fine settimana.

Già da giovedì erano arrivate le prime coppie di velisti con le barche che hanno cominciato ad allinearsi, vela dopo vela, lungo la spiaggia, davanti all’abitato e seguite nel loro armeggiare dall’interesse suscitato nella passeggiata-palcoscenico che si affaccia sul lungomare, interesse, va ricordato, anche di intenditori (siamo sul mare!) verso una classe che negli anni ha formato e poi lanciato grandissimi protagonisti della vela.

Sono dunque iniziati i sei giorni di sport con atleti e appassionati al seguito che, dopo l’anteprima, arriveranno, nella prossima settimana, per disputare la prima delle tre tappe della Coppa tricolore questa volta da tutta Italia e per alcuni team anche dall’estero. La seconda tappa del Giro sarà a sud, la terza sul lago di Como.

E intanto questi giorni sono serviti anche per mettere alla prova l’organizzazione che ha visto la collaborazione proprio di tutte le componenti della comunità, da quelle tecniche a quelle dell’assistenza, da quelle della vigilanza a quelle del volontariato.

Ma ecco le vele offrire uno spettacolo di un fascino sportivo ed elegante insieme mentre si dirigevano – lasciata la spiaggia e l’’anfiteatro delle facciate multicolori – al largo, verso i campi di gara tracciati tra la diga foranea del Golfo e le isole del Tino e della Palmaria.

E oggi domenica sarà offerto il bis.

Enzo Millepiedi

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi